Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

25 ottobre 2005

COMUNICATO STAMPA

 

25 ottobre 2005
COMUNICATO STAMPA



ALLARME ADOZIONI IN BIELORUSSIA
Un imprevisto cambio di programma della Commissione Adozioni Internazionali rischia di far fallire il nuovo protocollo di intesa tra Italia e Bielorussia sul problema umanitario delle adozioni internazionali.

Oggi 25 ottobre è in corso in Bielorussia una missione italiana che ha l'obiettivo di sbloccare le pratiche di adozione ferme ormai da più di un anno. La delegazione parlamentare segue una analoga missione effettuata dalla Commissione Adozioni Internazionali e dal Ministero degli Esteri nei giorni 13 e 14 ottobre, che ha preparato il terreno secondo un nuovo protocollo di intesa tra i due Paesi su questo specifico problema umanitario.
Ma a causa della mancata concertazione tra governo e parlamento la Commissione Adozioni Internazionali sembra stia sconfessando il proprio lavoro. Infatti la Presidente Capponi ha annullato la propria partenza, prevista per ieri 24 ottobre, per la sigla definitiva del protocollo (e non ha confermato nuove date di partenza).
Le Famiglie italiane adottanti in Bielorussia desiderano sottoporre all’opinione pubblica la gravità di questo fatto, a quanto pare tutto imputabile a problematiche italiane relative ai rapporti tra istituzioni, fatto che pregiudica seriamente le speranze di vita di migliaia di bambini e famiglie.
Intanto le Famiglie hanno chiesto di conoscere le motivazioni reali che hanno portato al fallimento della trattativa e delle missioni, e le iniziative che la CAI intende ora mettere in atto per risolvere il problema delle adozioni con la Bielorussia.
Centinaia di bambini continueranno a dover vivere in orfanotrofio pur avendo già una famiglia che desidera adottarli: a questo porta la ragion di stato!