Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

27 ottobre 2005 ORE 17.10

INTERVENTO DEL COORDINAMENTO
DELLE FAMIGLIE
ALLA COMMISSIONE BICAMERALE

 

Intervento del Coordinamento Famiglie Adottanti in Bielorussia
nel corso della conferenza stampa
della Commissione Bicamerale per l'Infanzia

ROMA 27 OTTOBRE 2005
ORE 17.10


La ferma richiesta delle famiglie italiane: si firmi il protocollo


A nome del movimento famiglie adottanti in Bielorussia, movimento nato spontaneamente a seguito del prolungato stallo delle adozioni in Bielorussia, comunichiamo quanto segue:
le famiglie tutte si rendono conto che grazie al lavoro della Commissione Bicamerale per l'Infanzia, costruito sul precedente lavoro preparatorio della commissione tecnica presieduta dalla Dott.ssa Capponi, non si è stati MAI così vicini alla soluzione del problema della adozioni in Bielorussia. Questo lavoro può e DEVE essere finalizzato dalla Commissione Adozioni Internazionali e dal Ministero Affari Esteri nella giornata di oggi 27 ottobre o almeno entro domani 28 ottobre negli incontri attualmente in corso a Minsk.

Le famiglie non accetteranno che quello che si sta per ottenere venga tramutato in un insuccesso per motivi politici, e chiedono fermamente l'impegno delle istituzioni CAI e MAE a definire nella maniera più risoluta il protocollo, e al tempo stesso chiedono l'impegno a vigilare sulla corretta e duratura applicazione futura del documento.

Giunti a questo punto della trattativa, così insperato solo poche settimane fa, le famiglie non potranno perdonare l'eventuale mancata firma del protocollo, e non esiteranno in quel caso a denunciarne le gravi responsabilità etiche, civili e politiche.
Si sottolinea infine che le eventuali conseguenze della mancata firma del protocollo saranno ben più gravi del già citato permanere del blocco delle adozioni, ma riguarderanno tutti i rapporti Italia Bielorussia. E in particolar modo saranno messi a rischio tutti i soggiorni di risanamento dei bambini in Italia rientranti nei progetti di Chernobyl. Coinvolgendo quindi non più solo diverse centinaia di famiglie adottanti, ma le migliaia di italiani che annualmente ospitano i bambini bielorussi bisognosi di cure.

Il coordinamento Famiglie Adottanti in Bielorussia
Federico e Luciana Marinangeli
Carlo e Lori Meoli
Fabio e Venera Murru
Antonio e Francesca Ciani
Giovanni e Paola Scibilia