Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

11 novembre 2005

ROMA: MANIFESTAZIONE PACIFICA DELLE FAMIGLIE A SOSTEGNO DELLA TRATTATIVA E DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO

la manifestazione

resoconto

ringraziamenti

messaggi di solidarietà

rassegna stampa

modulo raccolta firme

 

famiglie fantasma
11 novembre 2005
ROMA: MANIFESTAZIONE PACIFICA DELLE FAMIGLIE A SOSTEGNO DELLA TRATTATIVA E DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO
LA MANIFESTAZIONE AVRA' LUOGO DALLE ORE 13,00 IN PIAZZA COLONNA, ROMA
(FRONTE SEDE COMMISSIONE PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI)

vai alla pagina
per chi arriva dalla Stazione Termini o dalla Metro A fermata Barberini (piantina)

Solidarietà per i bambini bielorussi rimasti senza mamma e papà che hanno trovato una famiglia in Italia che li ama e che vorrebbe adottarli!
Da oltre un anno centinaia di bambini e ragazzi richiesti in adozione dalle famiglie italiane attendono che Italia e Bielorussia trovino un accordo per la riapertura delle adozioni internazionali, frenate dalla Bielorussia per il riassetto della propria normativa sulle adozioni.
Dopo mesi di silenzio, grazie alla mobilitazione delle famiglie in attesa, è iniziato un dialogo tra i due paesi. Finalmente due settimane fa sembrava a portata di mano la firma di un accordo, quando una delegazione parlamentare ha incontrato a Minsk le autorità bielorusse, ma l’intesa si è di nuovo allontanata per le richieste della Commissione Adozioni Internazionali italiana di ottenere maggiori garanzie nel testo del protocollo bilaterale.
E’ passato già oltre un anno da quando 150 bambini e ragazzi che stavano per varcare il confine come cittadini italiani sono tornati a vivere nei loro “internat “. Sono solo l’avanguardia di altre centinaia di bambini che, come loro, domandano ogni giorno alle mamme e papà italiani:

“QUANDO MI VENITE A PRENDERE?” .

Molti di questi bambini e ragazzi riescono ancora a passare qualche periodo l’anno con le loro famiglie italiane grazie ai soggiorni di risanamento a seguito della contaminazione radioattiva di Chernobyl.
Li incontrate nei parchi, allo stadio, alle feste dei vostri bambini, ma non li distinguete dai bambini italiani, perché parlano perfettamente la nostra lingua, perché le nostre famiglie non sono diverse dalle vostre, è identico l’amore che ci lega gli uni con gli altri.
Ciò che non conoscete è lo strazio degli addii negli aeroporti, la solitudine di mesi senza loro, le vocine timide che da un telefono lontano contano i giorni che ci separano, i compleanni mancati, il non sapere nulla delle loro vite lontano da noi…
I nostri figli lontani ci rendono famiglie fantasma, aiutateci a restare visibili, sostenete la riapertura delle adozioni con la Bielorussia!

Ogni istante d’attesa in più è un giorno perso nella vita di un bambino.
NON CI DAREMO PACE FINCHÉ NON AVRANNO PACE I NOSTRI BAMBINI

Coordinamento famiglie adottanti in Bielorussia
www.adozionibielorussia.org fax 178.224.5406 info@adozionibielorussia.org