Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

11 novembre 2005

ROMA: MANIFESTAZIONE PACIFICA DELLE FAMIGLIE A SOSTEGNO DELLA TRATTATIVA E DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO

la manifestazione

resoconto

ringraziamenti

messaggi di solidarietà

rassegna stampa

modulo raccolta firme

 

ROMA: MANIFESTAZIONE PACIFICA DELLE FAMIGLIE A SOSTEGNO DELLA TRATTATIVA E DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO

Rassegna stampa

STAMPA E GIORNALI ON-LINE

La Repubblica 11 nov 2005 leggi

Roma 11 nov 2005 leggi

Il Secolo XIX 11 nov 2005 leggi

Unione Sarda 11 nov 2005 leggi

Redattore Sociale 11 nov 2005 leggi

Vita.it 11 nov 2005 leggi

La gazzetta di Mantova 14 nov 2005 leggi

RADIO - TV

Radio 24 11 nov 2005 leggi il titolo

Rai Tre - 11 nov 2005 TG3 ore 23 - andato in onda vivo letto in studio e immagini manifestazione

AGENZIE

ADOZIONI: BIELORUSSIA, INCONTRO TRA FAMIGLIE E COMMISSIONE
(ANSA) - ROMA, 11 nov - ''Aggiornamento della situazione sugli incontri con la Bielorussia; che la Commissione per le adozioni internazionali si adoperi per una conclusione felice delle trattative per la firma del protocollo sulle adozioni, nell'interesse dei bambini; regolamentazioni tra Italia e Bielorussia da quest'anno salvaguardando le relazioni affettive gia' instaurate; vigilare sul rispetto degli accordi internazionali e sugli enti; ampliare i periodi di permanenza in Italia e i soggiorni di risanamento''. Sono le richieste fatte da una delegazione di famiglie in attesa di adottare bambini dalla Bielorussia, nel corso di un incontro con la presidente della Commissione adozioni internazionali Roberta Capponi.
''Capponi ha affermato che il 28 ottobre con la Bielorussia sono state sciolte tutte le riserve tecniche sul protocollo da adottare, non quelle politiche. Questo - ha aggiunto in un comunicato una componente della commissione Francesca Perinelli e' stato fatto dal governo italiano il 4 novembre, che ora e' in attesa della risposta bielorussa entro martedi', quando l'ambasciatore italiano a Minsk, contattera' la Capponi per fornire ulteriori informazioni. Se il testo dovesse passare senza alcuna modifica sostanziale - conclude la Perinelli - la firma potrebbe arrivare entro il prossimo fine settimana, altrimenti se ci fossero delle modifiche importanti verra' discusso nuovamente''.(ANSA).
BBB-GB 11-NOV-05 18:18 NNNN

ADOZIONI: BIELORUSSIA; COMM.INFANZIA,SI FIRMI AL PIU' PRESTO
(ANSA) - ROMA, 11 nov - ''Ci auguriamo che al piu' presto si firmi il protocollo fra Italia e Bielorussia sulle adozioni''.
E' quanto affermano, in un comunicato congiunto, Maria Burani Procaccini (Fi) e Marida Bolognesi (Ds) rispettivamente presidente e componente della Commissione bicamerale per l' infanzia. ''La Commissione - sottolineano le due parlamentari - ha svolto un lavoro diplomatico di grande livello nell'ultima missione, potendo contare sulla disponibilita' e sull'appoggio delle autorita' del luogo: ci auguriamo che la Commissione per le adozioni internazionali (Cai) definisca al piu' presto la questione e che si firmi il protocollo, consentendo cosi' l' adozione dei 150 bambini ed il prosieguo dei rapporti fecondi con Minsk per i 30 mila bimbi che giungono annualmente nel nostro paese per i soggiorni curativi.'' ''Nel corso degli incontri avuti a Minsk - continuano Burani e Bolognesi la Commissione ha lavorato con abnegazione e buonsenso, recependo tutte le indicazioni migliorative giunte dalla Cai. Analogo buonsenso adesso va chiesto in fase di conclusione degli accordi - concludono - partendo dalle richieste di tanti bambini e dei logo genitori adottivi''.
(ANSA).
COM-MAS 11-NOV-05 17:58 NNNN

Adozioni, Burani: "Si firmi subito accordo con Bielorussia"
Roma, 11 NOV (Velino) - "La commissione parlamentare infanzia ha svolto un lavoro diplomatico di grande livello nell'ultima missione, potendo contare sulla disponibilita' e sull'appoggio delle autorita' del luogo: ci auguriamo che il Cai definisca al piu' presto la questione e che si firmi il protocollo, consentendo l'adozione dei 150 bambini ed il prosieguo dei rapporti fecondi con Minsk per i 30 mila bimbi che giungono annualmente nel nostro paese per i soggiorni curativi". Lo hanno detto Maria Burani Procaccini (Fi) e Marida Bolognesi (Ds), rispettivamente presidente e componente della commissione bicamerale infanzia. "Nel corso degli incontri avuti a Minsk - affermano Burani e Bolognesi - la commissione ha lavorato con abnegazione e buonsenso, recependo tutte le indicazioni migliorative giunte dal Cai.
Analogo buonsenso adesso va chiesto in fase di conclusione degli accordi - concludano Burani e Bolognesi - partendo dalle richieste di tanti bambini e dei logo genitori adottivi". (com) 111753 NOV 05 NNNN

ADOZIONI: SIT IN FAMIGLIE IN ATTESA BIMBI BIELORUSSI DAVANTI PALAZZO CHIGI PER PROTOCOLLO ADOZIONI INTERNAZIONALI
(ANSA) - ROMA, 11 NOV – Sit-in davanti a Palazzo Chigi delle “mamme e papà fantasma” che chiedono la firma del protocollo di adozioni internazionali che darà la possibilità a migliaia di bambini bielorussi di essere adottati definitivamente dalle “loro famiglie”.Dopo mesi di silenzio, hanno spiegato le famiglie che manifestano in Piazza Colonna, una delegazione parlamentare ha incontrato a Minsk le autorità bielorusse e questo incontro ha sancito un riavvicinamento.
Secondo i manifestanti tutto è stato reso vano dalle normative della Commissione Adozioni italiana che richiede maggiori garanzie nel testo del protocollo bilaterale. Molti bambini -affermano- sono ancora, e non si sa per quanto, in attesa di questa firma. (ANSA)

ADOZIONI: SIT-IN DI FAMIGLIE IN ATTESA DI BIMBI BIELORUSSI
(ANSA) - ROMA, 11 nov - Una delegazione del Coordinamento delle famiglie adottanti in Bielorussia, che ha manifestato questa mattina davanti Palazzo Chigi, e' stata poi ricevuta dalla presidente della Commissione per le adozioni internazionali (Cai), Roberta Capponi.
Secondo quanto riferito da Vera Risi, uno dei rappresentanti del coordinamento (che raccoglie circa 300 famiglie), Capponi ha detto che fra Italia e Bielorussia e' stato raggiunto un accordo di tipo tecnico per sbloccare la situazione delle adozioni.
Intesa che ha anche l'assenso del nostro governo. Nei prossimi giorni, probabilmente martedi' 15 novembre, il governo bielorusso dovrebbe esprimersi sull'accordo e dare cosi' la via libera alla sua sottoscrizione. Se cosi' sara', gia' alla fine della settimana la presidente della Cai potrebbe partire per siglare l'intesa. (ANSA).
MAS 11-NOV-05 17:33 NNNN

ADOZIONI:FAMIGLIE ITALIANE CHIEDONO RIAPRIRE PORTE BIELORUSSIA
(AGI) - Roma, 11 nov - Un centinaio di famiglie italiane ha manifestato oggi davanti a Palazzo Chigi per chiedere la riapertura dei canali di adozione di bambini bielorussi. Le adozioni da Minsk si sono interrotte nell'ottobre 2004, perche' la Bielorussia ha cambiato la sua legge in materia. Ora per riaprire il flusso di adozioni dalla Bielorussia verso l'Italia(circa 200 l'anno prima del 2004) serve un'intesa fra i due Governi.
Il coordinamento delle famiglie adottanti in Bielorussia e' stato ricevuto dalla dottoressa Capponi, Presidente della Commissione Adozioni Internazionali, presso il ministero delle Pari Opportunita'. "La dottoressa Capponi - afferma Paola Giammarco del Coordinamento delle famiglie italiane - ci ha assicurato che da parte italiana non ci sono ostacoli all'accordo. Sono in corso contatti con la Bielorussia per risolvere la questione al piu' presto".
Paola Giammarco rende noto che "il problema coinvolge moltissime famiglie italiane, perche' le adozioni sono ferme, ma continua invece il flusso di accoglienze temporanee. Decine di migliaia di bambini bielorussi, tramite associazioni di volontariato cattoliche e non, trascorrono tre mesi all'anno in Italia. E' ovvio che le accoglienze temporanee creano un desiderio di adozione in molte famiglie italiane ed e' inoltre rilevante il movimento di denaro dall'Italia verso la Bielorussia in seguito a queste vicende".
Le famiglie adottanti in Bielorussia sono consapevoli che "l'attuale politica internazionale non favorisce i rapporti fra la Ue e la Bielorussia". Chiedono pero' che "la questione sia vista da un punto di vista umanitario e non politico, anche perche' molte aziende occidentali riescono comunque a sviluppare i loro affari in quel Paese".(AGI) Mal 111727 NOV 05 NNNN