Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

12 settembre 2006

RESOCONTO DELL'INCONTRO DEL COORDINAMENTO CON IL MINISTRO ROSY BINDI

 

Resoconto dell'incontro del Coordinamento
con il Ministro Rosy Bindi

12 settembre 2006

In data odierna i delegati del Coordinamento famiglie hanno incontrato il Ministro per la famiglia, Rosy Bindi, il Dott. Cabras, capo di gabinetto del Ministro, e la Dott.ssa Miotto.

Il colloquio con il Ministro è stato franco ed esteso, toccando sia il tema delle adozioni in Bielorussia, sia il problema presente, relativo alle conseguenze del trattenimento illegale di una bambina bielorussa in Italia.

Abbiamo ricevuto dal Ministro l’assicurazione del massimo impegno che dedica, assieme al Ministero degli Esteri e della Solidarietà Sociale, nell’affrontare il caso di Genova.

Ci è stato confermato inoltre che l’Ambasciatore Skripko ha riconosciuto esplicitamente la collaborazione delle istituzioni italiane per una positiva soluzione della vicenda.

E’ stato poi affrontato l’argomento delle adozioni, rappresentando tutte le problematiche ancora aperte riguardanti le adozioni “sospese” dal 2004, ad esempio la mancanza di criteri uniformi espressi in Bielorussia, dai vari livelli locali di approvazione delle pratiche, che hanno portato anche a tanti dinieghi con motivazioni (come l’inserimento dei bambini in casa famiglia) non sufficienti ed allo stallo della situazione nella Regione di Gomel, o gli affidi a famiglie bielorusse di bambini già richiesti in adozione dalle famiglie italiane, con le quali i bambini hanno stabilito da piu’ anni un solido rapporto affettivo.

Si è poi affrontato l’argomento riguardante le pratiche successive, la cui presentazione, pur in presenza di un protocollo sottoscritto bilateralmente, ancora non è consentita da parte bielorussa.

In merito a queste ed alle successive ancora si è detto che il discorso non può essere affrontato che a partire da una seria concertazione con il Comitato Minori Stranieri ed il Ministero della Solidarietà sociale, a cui afferisce il Comitato stesso. In merito si stanno verificando alcune ipotesi e la ripresa urgente di un dialogo con la Bielorussia.

Il Ministro ed i componenti del suo staff ci hanno dato l’impressione di avere ben chiaro il problema delle adozioni in Bielorussia fin nei dettagli e di desiderare sinceramente una soluzione ottimale e rapida per il bene di tutti i bambini coinvolti.

Ci associamo al Ministro Bindi nell’auspicare una soluzione tempestiva della vicenda della bambina di Genova nel suo interesse e in quello di tutti gli altri bambini coinvolti.

Le famiglie delegate