Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 

24 Gennaio 2010
Comunicato


 

Comunicato del 24 gennaio 2010

 

Il Coordinamento Famiglie Adottanti in Bielorussia invita le famiglie adottanti e non, a condividere l'appello che gia' nella giornata di oggi ha coinvolto i deputati italiani per invitarli alla riflessione sui rapporti politici nei confronti della Bielorussia.

Vi chiediamo di conseguenza un ulteriore sforzo per consentire che prevalga una linea di critica franca e costruttiva nei confronti delle istituzioni bielorusse.

Se condividete, Vi invitiamo pertanto ad inviare ai deputati della Repubblica Italiana di impegnare il Governo italiano verso una decisione finalizzata ad una critica costruttiva nei confronti della Bielorussia in virtù dei rapporti di amicizia tra popolo italiano e bielorusso.

La discussione della mozione e' stata rinviata a martedì 25 gennaio. Vi alleghiamo la prima parte della discussione che si e' tenuta oggi alla Camera dei Deputati.

Scarica la lettera che dovrà essere compilata con le proprie generalità ed inviata via email ai deputati suddivisi in due liste.

Lista1

Lista2

Si fornisce l'elenco degli indirizzzi in formato testo:

Abelli_g@camera.it,Abrignani_i@camera.it,adornato_f@camera.it,agostini_l@camera.it,albonetti_g@camera.it,alessandri_a@camera.it,alfano_a@ca

mera.it,alfano_g@camera.it,allasia_s@camera.it,amici_m@camera.it,angeli_g@camera.it,angelucci_a@camera.it,antonione_r@camera.it,aprea_v@cam

era.it,aracri_f@camera.it,aracu_s@camera.it,argentin_i@camera.it,armosino_m@camera.it,ascierto_f@camera.it,baccini_m@camera.it,bachelet_g@c

amera.it,baldelli_s@camera.it,balocchi_m@camera.it,barani_l@camera.it,barba_v@camera.it,barbareschi_l@camera.it,barbaro_c@camera.it,barbato

_f@camera.it,barbi_m@camera.it,barbieri_e@camera.it,baretta_p@camera.it,beccalossi_v@camera.it,belcastro_e@camera.it,bellanova_t@camera.it,

bellotti_l@camera.it,beltrandi_m@camera.it,benamati_g@camera.it,berardi_a@camera.it,bergamini_d@camera.it,berlusconi_s@camera.it,bernardini

_r@camera.it,bernardo_m@camera.it,bernini_a@camera.it,berretta_g@camera.it,berruti_m@camera.it,bersani_p@camera.it,bertolini_i@camera.it,bi

ancofiore_m@camera.it,bianconi_m@camera.it,biasotti_s@camera.it,biava_f@camera.it,bindi_r@camera.it,binetti_p@camera.it,bitonci_m@camera.it

,bobba_l@camera.it,bocchino_i@camera.it,bocci_g@camera.it,boccia_f@camera.it,bocciardo_m@camera.it,boccuzzi_a@camera.it,

 

boffa_c@camera.it,bonaiuti_p@camera.it,bonavitacola_f@camera.it,bonciani_a@camera.it,bongiorno_g@camera.it,bonino_guido@camera.it,boniver_m

@camera.it,bordo_m@camera.it,borghesi_a@camera.it,bosi_f@camera.it,bossa_l@camera.it,bossi_u@camera.it,braga_c@camera.it,bragantini_m@camer

a.it,brambilla_m@camera.it,brancher_a@camera.it,brandolini_s@camera.it,bratti_a@camera.it,bressa_g@camera.it,briguglio_c@camera.it,brugger_

s@camera.it,brunetta_r@camera.it,bruno_d@camera.it,bucchino_g@camera.it,buonanno_g@camera.it,buonfiglio_a@camera.it,burtone_g@camera.it,but

tiglione_r@camera.it,calabria_a@camera.it,calderisi_g@camera.it,calearo_m@camera.it,calgaro_m@camera.it,callegari_c@camera.it,calvisi_g@cam

era.it,cambursano_r@camera.it,capano_c@camera.it,pres_caparini@camera.it,capitanio_l@camera.it,capodicasa_a@camera.it,cardinale_daniela@cam

era.it,carella_r@camera.it,carfagna_m@camera.it,carlucci_g@camera.it,carra_e@camera.it,carra_marco@camera.it,casero_l@camera.it,casini_p@ca

mera.it,cassinelli_r@camera.it,castagnetti_p@camera.it,castellani_c@camera.it,castiello_g@camera.it,catanoso_f@camera.it,catone_g@camera.it

,cattaneo_v@camera.it,causi_m@camera.it,cavallaro_m@camera.it,cavallotto_d@camera.it,cazzola_g@camera.it,ceccacci_f@camera.it,ceccuzzi_f@ca

mera.it,cenni_s@camera.it,centemero_e@camera.it,cera_a@camera.it,ceroni_r@camera.it,cesa_l@camera.it,cesario_b@camera.it,

cesaro_l@camera.it,chiappori_g@camera.it,ciccanti_a@camera.it,cicchitto_f@camera.it,ciccioli_c@camera.it,cicu_s@camera.it,cimadoro_g@camera

.it,Cirielli_e@camera.it,ciriello_p@camera.it,codurelli_l@camera.it,colaninno_m@camera.it,colombo_f@camera.it,colucci_f@camera.it,comaroli_

s@camera.it,commercio_r@camera.it,compagnon_a@camera.it,concia_a@camera.it,consiglio_n@camera.it,consolo_g@camera.it,conte_g@camera.it,Cont

e_giorgio@camera.it,contento_m@camera.it,corsaro_m@camera.it,corsini_paolo@camera.it,coscia_m@camera.it,cosentino_n@camera.it,cosenza_g@cam

era.it,cossiga_g@camera.it,costa_e@camera.it,craxi_s@camera.it,crimi_r@camera.it,cristaldi_n@camera.it,crosetto_g@camera.it,crosio_j@camera

.it,cuomo_a@camera.it,cuperlo_g@camera.it,dallago_m@camera.it,dalmoro_g@camera.it,dalema_m@camera.it,damiano_c@camera.it,damico_c@camera.it

,danna_v@camera.it,diserio_o@camera.it,dantoni_s@camera.it,deangelis_marcello@camera.it,pres_debiasi@camera.it,decamillis_s@camera.it,

 

decorato_r@camera.it,degirolamo_n@camera.it,deluca_f@camera.it,demicheli_p@camera.it,rizzoli_m@camera.it,depasquale_r@camera.it,depoli_a@ca

mera.it,detorre_l@camera.it,deltenno_m@camera.it,delfino_t@camera.it,dellavedova_b@camera.it,dellelce_g@camera.it,desiderati_m@camera.it,di

biagio_a@camera.it,simeone.dicagno@camera.it,dicaterina_m@camera.it,dicenta_m@camera.it,digiuseppe_a@camera.it,dipietro_a@camera.it,distani

slao_a@camera.it,divirgilio_d@camera.it,divizia_g@camera.it,dima_g@camera.it,dincecco_v@camera.it,dionisi_a@camera.it,dippolito_i@camera.it

,distaso_a@camera.it,divella_f@camera.it,donadi_m@camera.it,dozzo_g@camera.it,duilio_e@camera.it,dussin_g@camera.it,dussin_luciano@camera.i

t,esposito_s@camera.it,evangelisti_f@camera.it,fadda_p@camera.it,faenzi_m@camera.it,fallica_g@camera.it,farinacoscioni_m@camera.it,farina_g

@camera.it,farina_renato@camera.it,farinone_e@camera.it,fassino_p@camera.it,fava_g@camera.it,favia_d@camera.it,fedi_m@camera.it,fedriga_m@c

amera.it,ferranti_d@camera.it,ferrari_p@camera.it,fiano_e@camera.it,segr.pres.fini@camera.it,fiorio_m@camera.it,fioroni_g@camera.it,

 

fitto_r@camera.it,fluvi_a@camera.it,fogliardi_g@camera.it,fogliato_s@camera.it,follegot_f@camera.it,fontana_g@camera.it,fontana_v@camera.it

,fontanelli_p@camera.it,forcolin_g@camera.it,formichella_n@camera.it,formisano_aniello@camera.it,formisano_a@camera.it,foti_antonino@camera

.it,foti_t@camera.it,franceschini_d@camera.it,franzoso_p@camera.it,frassinetti_p@camera.it,frattini_f@camera.it,froner_l@camera.it,fucci_b@

camera.it,fugatti_m@camera.it,gaglione_a@camera.it,galati_g@camera.it,galletti_g@camera.it,garagnani_f@camera.it,garofalo_v@camera.it,garof

ani_f@camera.it,gasbarra_e@camera.it,gatti_m@camera.it,gava_f@camera.it,gelmini_m@camera.it,genovese_f@camera.it,gentiloni_p@camera.it,germ

ana_antonino@camera.it,ghedini_n@camera.it,ghiglia_a@camera.it,ghizzoni_m@camera.it,giachetti_r@camera.it,giacomelli_a@camera.it,giacomoni_

s@camera.it,giammanco_g@camera.it,gianni_p@camera.it,gibiino_v@camera.it,gidoni_f@camera.it,ginefra_d@camera.it,ginoble_t@camera.it,giorget

ti_a@camera.it,giorgetti_g@camera.it,giovanelli_o@camera.it,girlanda_r@camera.it,giro_f@camera.it,giulietti_g@camera.it,

gnecchi_m@camera.it,goisis_p@camera.it,golfo_l@camera.it,gottardo_i@camera.it,gozi_s@camera.it,granata_b@camera.it,grassano_m@camera.it,gra

ssi_g@camera.it,graziano_s@camera.it,grimaldi_u@camera.it,grimoldi_p@camera.it,guzzanti_p@camera.it,holzmann_g@camera.it,iannaccone_a@camer

a.it,iannarilli_a@camera.it,iannuzzi_b@camera.it,iapicca_m@camera.it,isidori_e@camera.it,jannone_g@camera.it,laforgia_a@camera.it,laloggia_

e@camera.it,lamalfa_g@camera.it,larussa_i@camera.it,laboccetta_a@camera.it,laffranco_p@camera.it,lagana_m@camera.it,lainati_g@camera.it,lam

orte_d@camera.it,landolfi_m@camera.it,lanzarin_m@camera.it,lanzillotta_l@camera.it,laratta_f@camera.it,latteri_f@camera.it,lazzari_l@camera

.it,lehner_g@camera.it,lenzi_d@camera.it,leo_m@camera.it,leone_a@camera.it,letta_e@camera.it,levi_r@camera.it,libe_m@camera.it,lisi_u@camer

a.it,lomonte_c@camera.it,lomoro_d@camera.it,lopresti_a@camera.it,lolli_g@camera.it,lombardo_a@camera.it,lorenzin_b@camera.it,

losacco_a@camera.it,lovelli_m@camera.it,luca_d@camera.it,lulli_a@camera.it,lunardi_p@camera.it,luongo_a@camera.it,lupi_m@camera.it,lusetti_

r@camera.it,lussana_c@camera.it,madia_m@camera.it,maggioni_m@camera.it,malgieri_g@camera.it,mancuso_g@camera.it,mannino_c@camera.it,mannucc

i_b@camera.it,mantini_p@camera.it,mantovano_a@camera.it,maran_a@camera.it,marantelli_d@camera.it,marcazzan_p@camera.it,marchi_m@camera.it,m

archignoli_m@camera.it,marchioni_e@camera.it,margiotta_s@camera.it,mariani_r@camera.it,marinello_g@camera.it,marini_c@camera.it,marini_g@ca

mera.it,maroni_r@camera.it,marrocu_s@camera.it,marsilio_m@camera.it,martella_a@camera.it,martinelli_m@camera.it,martini_f@camera.it,martino

_a@camera.it,martino_pierdomenico@camera.it,mastromauro_m@camera.it,mattesini_d@camera.it,mazzarella_e@camera.it,mazzocchi_a@camera.it,

mazzoni_riccardo@camera.it,mazzuca_g@camera.it,mecacci_m@camera.it,melandri_g@camera.it,melchiorre_d@camera.it,melis_g@camera.it,meloni_g@c

amera.it,menia_r@camera.it,mereu_a@camera.it,merlo_g@camera.it,merlo_g@camera.it,merloni_m@camera.it,messina_i@camera.it,meta_m@camera.it,m

icciche_g@camera.it,migliavacca_m@camera.it,miglioli_i@camera.it,migliori_r@camera.it,milanato_l@camera.it,milanese_m@camera.it,milo_a@came

ra.it,minardo_antonino@camera.it,minasso_e@camera.it,minniti_d@camera.it,miotto_a@camera.it,misiani_a@camera.it,misiti_a@camera.it,mistrell

o_g@camera.it,misuracadore@camera.it,moffa_s@camera.it,mogherini_f@camera.it,moles_g@camera.it,molgora_d@camera.it,molteni_l@camera.it,molt

eni_n@camera.it,monai_c@camera.it,mondello_g@camera.it,montagnoli_a@camera.it,morassut_r@camera.it,moroni_c@camera.it,mosca_a@camera.it,mos

ella_d@camera.it,motta_c@camera.it,mottola_g@camera.it,munerato_e@camera.it,mura_s@camera.it,murer_d@camera.it,murgia_b@camera.it,

muro_l@camera.it,mussolini_a@camera.it,naccarato_a@camera.it,nannicini_r@camera.it,napoli_a@camera.it,napoli_o@camera.it,narducci_f@camera.

it,naro_g@camera.it,nastri_g@camera.it,negro_g@camera.it,nicco_r@camera.it,nicolais@camera.it,nicolucci_m@camera.it,nirenstein_f@camera.it,

nizzi_s@camera.it,nola_c@camera.it,nucara_f@camera.it,occhiuto_r@camera.it,oliverio_n@camera.it,orlando_a@camera.it,orlando_l@camera.it,ors

ini_a@camera.it,pagano_alessandro@camera.it,paglia_g@camera.it,paladini_g@camera.it,palagiano_a@camera.it,palmieri_a@camera.it,palomba_f@ca

mera.it,palumbo_g@camera.it,paniz_m@camera.it,paolini_l@camera.it,papa_a@camera.it,parisi_a@camera.it,parisi_massimo@camera.it,paroli_a@cam

era.it,pastore_m@camera.it,patarino_c@camera.it,pecorella_g@camera.it,pedoto_l@camera.it,pelino_p@camera.it,peluffo_v@camera.it,

pepe_a@camera.it,pepe_mr_pdl@camera.it,pepe_m_pd@camera.it,perina_f@camera.it,pes_c@camera.it,pescante_m@camera.it,petrenga_g@camera.it,pez

zotta_s@camera.it,pianetta_e@camera.it,picchi_g@camera.it,piccolo_s@camera.it,picierno_p@camera.it,piffari_s@camera.it,pili_m@camera.it,pin

i_g@camera.it,pionati_f@camera.it,pirovano_e@camera.it,pisacane_m@camera.it,pisicchio_g@camera.it,piso_v@camera.it,pistelli_l@camera.it,pit

telli_g@camera.it,pizzetti_l@camera.it,pizzolante_s@camera.it,poli_n@camera.it,polidori_c@camera.it,pollastrini_b@camera.it,polledri@camera

.it,pompili_m@camera.it,porcino_g@camera.it,porcu_c@camera.it,porfidia_a@camera.it,porta_f@camera.it,portas_g@camera.it,prestigiacomo_s@cam

era.it,proietti_f@camera.it,pugliese_m@camera.it,quartiani_e@camera.it,rainieri_f@camera.it,raisi_e@camera.it,rampelli_f@camera.it,rampi_e@

camera.it,rao_r@camera.it,ravetto_l@camera.it,razzi_a@camera.it,realacci_e@camera.it,recchia_p@camera.it,reguzzoni_m@camera.it,

repetti_m@camera.it,ria_l@camera.it,rigoni_a@camera.it,rivolta_erica@camera.it,roccella_e@camera.it,romani_p@camera.it,romano_f@camera.it,r

omele_g@camera.it,ronchi_a@camera.it,rondini_m@camera.it,rosato_e@camera.it,rossa_s@camera.it,rossi_l@camera.it,rossi_m@camera.it,rosso_r@c

amera.it,rossomando_a@camera.it,rota_i@camera.it,rotondi_g@camera.it,ruben_a@camera.it,rubinato_s@camera.it,ruggeri_salvatore@camera.it,rug

ghia_a@camera.it,russo_a@camera.it,russo_p@camera.it,ruvolo_g@camera.it,saglia_s@camera.it,saltamartini_b@camera.it,sammarco_g@camera.it,sa

mperi_m@camera.it,sanga_g@camera.it,sani_l@camera.it,santagata_g@camera.it,santelli_j@camera.it,sardelli_l@camera.it,sarubbi_a@camera.it,sa

vino_e@camera.it,sbai_s@camera.it,sbrollini_d@camera.it,scajola_c@camera.it,scalera_g@camera.it,scalia_g@camera.it,scanderebech_d@camera.it

,scandroglio_m@camera.it,scapagnini_u@camera.it,scarpetti_l@camera.it,scelli_m@camera.it,schirru_a@camera.it,scilipoti_d@camera.it,sereni_m

@camera.it,servodio_g@camera.it,siliquini_m@camera.it,simeoni_g@camera.it,simonetti_r@camera.it,siragusa_a@camera.it,sisto_f@camera.it,sogl

ia_g@camera.it,soro_a@camera.it,speciale_r@camera.it,sposetti_u@camera.it,stagno_f@camera.it,stanca_l@camera.it,stasi_m@camera.it,stefani_s

@camera.it,stracquadanio_g@camera.it,stradella_f@camera.it,strizzola_i@camera.it,stucchi_g@camera.it,tabacci_b@camera.it,taddei_v@camera.it

,tanoni_i@camera.it,tassone_m@camera.it,tempestini_f@camera.it,tenaglia_l@camera.it,terranova_giacomo@camera.it,testa_f@camera.it,testa_nun

zio@camera.it,testoni_p@camera.it,tidei_p@camera.it,toccafondi_g@camera.it,tocci_w@camera.it,

togni_r@camera.it,torazzi_a@camera.it,torrisi_s@camera.it,tortoli_r@camera.it,toto_d@camera.it,touadi_j@camera.it,trappolino_c@camera.it,tr

aversa_m@camera.it,tremaglia_m@camera.it,tremonti_g@camera.it,tullo_m@camera.it,turco_livia@camera.it,turco_mrz@camera.it,urso_a@camera.it,

vaccaro_g@camera.it,valducci_m@camera.it,valentini_v@camera.it,vanalli_p@camera.it,vannucci_m@camera.it,salvatore.vassallo@camera.it,vella_

p@camera.it,velo_s@camera.it,veltroni_w@camera.it,ventucci_c@camera.it,ventura_m@camera.it,verdini_d@camera.it,verini_w@camera.it,vernetti_

g@camera.it,versace_s@camera.it,vessa_p@camera.it,vico_l@camera.it,villecco_r@camera.it,viola_r@camera.it,vitali_l@camera.it,vito_e@camera.

it,volonte_l@camera.it,volpi_r@camera.it,zaccaria_r@camera.it,zacchera_m@camera.it,zampa_s@camera.it,zamparutti_e@camera.it,zazzera_p@camer

a.it,zeller_k@camera.it,zinzi_d@camera.it,zucchi_a@camera.it,zunino_m@camera.it,info@adozionibielorussia.org,

Cordiali saluti

Le famiglie delegate
per il Coordinamento Famiglie Adottanti in Bielorussia


Roma, 24 Gennaio 2011

 

Discussione della mozione Bocchino n. 1-00531: Iniziative per il rispetto dei diritti civili e politici in Bielorussia.

Discussione della mozione Bocchino, Galletti, Vernetti, Lo Monte, Melchiorre ed altri n. 1-00531 concernente iniziative per il rispetto dei diritti civili e politici in Bielorussia (ore 16,55).

PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca la discussione della mozione Bocchino, Galletti, Vernetti, Lo Monte, Melchiorre ed Pag. 96altri n. 1-00531, concernente iniziative per il rispetto dei diritti civili e politici in Bielorussia (vedi l'allegato A - Mozioni).
La ripartizione dei tempi riservati alla discussione è pubblicata nel resoconto stenografico della seduta di giovedì 20 gennaio 2011.
Avverto che sono state altresì presentate le mozioni Di Stanislao ed altri n. 1-00535, Tempestini ed altri n. 1-00536, Antonione, Stefani, Sardelli ed altri n. 1-00537 che, vertendo su materia analoga a quella trattata dalla mozione all'ordine del giorno, verranno svolte congiuntamente (vedi l'allegato A - Mozioni). I relativi testi sono in distribuzione.

(Discussione sulle linee generali)

PRESIDENTE. Dichiaro aperta la discussione sulle linee generali delle mozioni.
È iscritto a parlare l'onorevole Della Vedova, che illustrerà anche la mozione Bocchino, Galletti, Vernetti, Lo Monte, Melchiorre ed altri n. 1-00531 di cui è cofirmatario. Ne ha facoltà.

BENEDETTO DELLA VEDOVA. Signor Presidente, il 19 dicembre 2010 si sono svolte le elezioni in Bielorussia e il Presidente Lukašenko è stato rieletto con il 79,67 per cento dei voti. Si tratta di elezioni farsa, come ha denunciato l'OSCE: due settimane dopo, sono state sospese dalle autorità locali le attività della sede a Minsk.

Pag. 97

Credo che, in generale, questo tipo di elezioni costituisca un punto molto delicato - in particolare per i Paesi che geograficamente fanno parte dell'Europa o per i Paesi limitrofi - su cui si dovrebbe discutere anche per i giudizi che si esprimono. Ad esempio, non in occasione delle elezioni - poi ne parleremo - ma l'anno prima, il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in visita a Minsk, ebbe modo di dire, riferendosi a Lukašenko «(...) grazie anche alla sua gente che so che la ama: e questo è dimostrato dai risultati delle elezioni, che sono sotto gli occhi di tutti (...)».
Signor Presidente, credo che non vi sia la necessità in generale di non rispettare le regole diplomatiche quando ci si trova al cospetto di Capi di Stato anche di questa fatta, tuttavia bisognerebbe essere un po' più prudenti nello spingersi ad esprimere un riconoscimento, una valutazione politica così impegnativa per il nostro Governo e per il popolo italiano nei confronti di coloro che vengono considerati dei dittatori dalla comunità internazionale. Invece il nostro Governo - in particolare il Presidente del Consiglio - si segnala per essere prodigo di riconoscimenti, come in questo caso, sull'amore che il popolo tributerebbe nelle elezioni farsa che plebiscitano i dittatori. Dico ciò perché il Presidente del Consiglio, poco tempo fa, il 2 dicembre, in un altro scenario, in Kazakhstan (il collega Mecacci che è qui in Aula era presente in quella circostanza), rivolgendosi, signora sottosegretario, al Presidente Nazarbayev, fuori dall'ufficialità, alla presenza di tutti - e questo è fuori discussione perché nessuno pensa che si debbano boicottare i summit internazionali istituzionali, ai quali partecipano tutti i Capi di Stato e di Governo che ne hanno titolo - ebbe a dire: «Ho visto i sondaggi fatti da un'autorità indipendente, che ti hanno assegnato, Nursultan, il 92 per cento di stima e amore del tuo popolo. È un consenso che non può che basarsi sui fatti».
Signora sottosegretario, conosco il suo impegno e - come si usa dire in questi casi - la sua assoluta e indiscutibile sensibilità democratica, ma credo che questo ponga un problema al Governo italiano perché non possiamo accettare che il Presidente del Consiglio della Repubblica italiana senta il bisogno di fare - e conseguentemente esterni - affermazioni Pag. 98di questo tipo perché non sono vere. Non possiamo come popolo italiano libero e democratico portare il nostro omaggio a dittatori come Nazarbayev, ultimo segretario locale del partito comunista dell'Unione sovietica. Dobbiamo dire casomai - se proprio vogliamo esprimerci sull'ipotesi in cui qualcuno, con quel tipo di elezioni, ottenga il 92 per cento dei consensi - che l'Italia sta con quell' 8 per cento, del quale probabilmente un pezzettino non marginale sta in galera o lotta per la libertà e questo vale anche per Lukašenko. Non credo che possiamo esimerci da ciò se vogliamo dire una sola parola oltre il Protocollo. Trovo che questo sia molto grave.
Il Governo - torniamo alla Bielorussia - ha messo in galera sessanta tra le 10 mila persone circa scese in piazza per protestare contro le irregolarità del voto e dello scrutinio. Sono finiti dentro anche gli altri candidati alle presidenziali, attivisti della società civile, liberi imprenditori e giornalisti.
In Bielorussia la stampa e la distribuzione dei giornali sono un monopolio del Governo che decide quali giornali possono essere stampati e quali e come possono essere distribuiti.
Dal primo febbraio scorso Internet è stato posto sotto il controllo diretto della presidenza, sono certo che nessuno qui auspica cose del genere o le possa men che meno salutare, quale che sia la motivazione.
Quanto alle organizzazioni non governative indipendenti, viene sistematicamente negata loro la registrazione ovvero impedito di operare legalmente nel paese, per non parlare delle minoranze etniche, in special modo polacche e rom, e delle minoranze sessuali, gay e transessuali: discriminazione scientifica più che sistematica.
Per tutto questo, signor Presidente, nel 2008 il Consiglio dell'Unione europea aveva stabilito che a 41 rappresentanti del Governo bielorusso, incluso il presidente Lukašenko, fosse interdetto l'ingresso sul territorio europeo, quindi non sanzioni economiche né sanzioni commerciali, nessuna sanzione che possa in qualche modo arrecare un danno diretto alle popolazioni. Il 25 scorso, tuttavia, il Consiglio dell'Unione europea ha deciso di prolungare al 31 ottobre 2011 il divieto di ingresso e, allo stesso tempo, di sospenderlo nello specifico per il presidente ed altri 35 funzionari, in ossequio alla decisione della Bielorussia di accettare le regole di campagna elettorale rispondenti agli standard democratici internazionali. Questo almeno era l'auspicio. Il Governo bielorusso, tuttavia, quelle Pag. 99regole le ha platealmente violate, ed è per questo che il 7 gennaio scorso la diplomazia di Bruxelles - in testa la Germania, la Polonia anche per le ragioni che abbiamo richiamato, insieme a Svezia, Gran Bretagna, Francia, Olanda, Repubblica Ceca - ha espresso la necessità di un'azione sanzionatoria comune. In tal senso si è espresso nei giorni scorsi anche il Parlamento europeo.
La posizione del Governo italiano è stata oltremodo ambigua. Sulla base di fonti giornalistiche internazionali - sui giornali italiani abbiamo rintracciato ben poco - il Governo italiano avrebbe espresso in sede europea la sua contrarietà alla riattivazione delle sanzioni. Intervenendo alla Camera il Ministro Vito, in risposta ad un'interrogazione parlamentare del collega Mecacci, pur affermando che l'Italia insieme a molti altri Paesi membri è a favore di un approccio articolato che preveda forme anche energiche di pressione - compresa la limitazione nella concessione di visti di ingresso a personalità e funzionari bielorussi responsabili delle violenze - ha aggiunto, come a giudizio del Governo, che la risposta europea sia tale che non interrompa del tutto la collaborazione politica con le autorità di Minsk, e che non si limiti a riportare indietro le lancette dell'orologio con un semplice ritorno alla situazione precedente il 2008, quando di fatto l'Unione europea si rifiutava di parlare con Minsk.
Quindi credo che, anche di fronte a questo tipo di risposta che il Ministro Vito ha dato, una risposta interlocutoria, la discussione di questa mozione sia quanto mai opportuna, e mi auguro anche il voto - ho visto le mozioni dei colleghi, anche quella dei colleghi del Popolo della Libertà - e credo però che il Parlamento debba dare un'indicazione, mi auguro unanime, ma soprattutto netta, anche per sgomberare il campo dalle ambiguità nei comportamenti di cui sopra, almeno come sono stati registrati dalla stampa internazionale.

Pag. 100

Quindi, con questa mozione impegniamo il Governo a chiedere ufficialmente al Governo bielorusso l'immediata scarcerazione di quanti siano stati arrestati a seguito delle manifestazioni politiche del 19 dicembre 2010 e dei giorni successivi; ad agire in sede europea affinché, fino a quando il Governo bielorusso non abbia intrapreso atti concreti nella direzione della democratizzazione del Paese, siano ripristinate le sanzioni nei confronti della Bielorussia al momento sospese, in particolare il divieto d'ingresso nel territorio dei Paesi dell'Unione europea per le trentasei cariche bielorusse, incluso Lukašenko; ad adottare tutte le iniziative possibili per sostenere le attività delle organizzazioni politiche bielorusse ed internazionali impegnate per il consolidamento della democrazia, delle libertà individuali e dei diritti umani nel Paese est-europeo.
Signor Presidente, signor sottosegretario, concludo da dove ho iniziato, proprio con riferimento alla chiarezza necessaria, che, a mio avviso, è mancata da parte del Governo italiano, nei confronti di regimi come quello di Lukašenko, di Nazarbaev e mi fermo qui, perché potrei anche continuare. Un conto è la necessità, e forse l'opportunità, di mantenere rapporti diplomatici, un conto sono le sanzioni economiche che possono colpire anche le popolazioni, un altro conto invece è portare gratuitamente - peraltro senza informare il Parlamento e senza avere avuto indicazioni di questo tipo da parte del Parlamento italiano - un sovrappiù di solidarietà e di riconoscimento a regimi che si fondano sulla violenza, sull'intolleranza e sulla repressione di ogni tipo di manifestazione libera e democratica.
Queste sono le parole che ho richiamato nei confronti di Lukašenko e di Nazarbaev. Credo che il Parlamento italiano lo debba esigere dal Governo e anche in prima persona dal Presidente del Consiglio. Non possiamo apparire agli occhi di chi, in Bielorussia o anche in Kazakhstan o altrove, lotta per un minimo di democrazia, per un minimo di Stato di diritto, per un minimo di libertà, come dei relativisti in campo di politica internazionale o come degli agnostici, per cui siamo totalmente indifferenti alla natura dei regimi con cui trattiamo e siamo totalmente indifferenti ai diritti fondamentali, ai diritti Pag. 101umani, ai diritti di libertà, ai diritti civili e politici delle popolazioni che sono vittime dei tiranni, che noi invece salutiamo senza fare un plissé, solo perché in «elezioni truffa» ottengono l'80 o magari il 90 per cento dei voti (Applausi dei deputati del gruppo Futuro e Libertà per l'Italia e di deputati del gruppo Partito Democratico).

PRESIDENTE. È iscritto a parlare l'onorevole Di Stanislao, che illustrerà anche la sua mozione n. 1-00535. Ne ha facoltà.

AUGUSTO DI STANISLAO. Signor Presidente, la Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (meglio nota come Patto internazionale sui diritti civili e politici), è un trattato delle Nazioni Unite nato dall'esperienza della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, adottato nel 1966 ed entrato in vigore nel marzo del 1976. Le nazioni firmatarie sono tenute a rispettarla. È stato ratificato dall'Italia il 15 settembre 1978 e reso esecutivo con la legge n. 881 del 1977.
I diritti civili e politici riconosciuti dalla Dichiarazione universale sono: il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona (questo lo ricordo perché diamo sempre tutto per scontato, ma è bene che dal Parlamento venga un sussulto anche in questa occasione, non solo nella memoria e nel ricordo, ma anche per garantire una prospettiva a tutte le occasioni alle quali partecipiamo o alle quali qualcuno nel Governo partecipa in nome e per conto del Parlamento e della nostra nazione); la libertà dalla schiavitù, dalla tortura e da ogni trattamento o punizione crudele, inumana o degradante; l'uguaglianza davanti alla legge; la protezione contro l'arresto, la detenzione o l'esilio arbitrari; il diritto ad un'equa e pubblica udienza davanti ad un tribunale indipendente ed imparziale; il diritto alla presunzione di innocenza sino a che la colpevolezza non sia stata provata legalmente in un pubblico processo; il diritto a non essere condannato per un comportamento che nel momento in cui sia stato commesso non costituisse reato secondo il diritto interno o internazionale; il diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato; il diritto di chiedere e godere dell'asilo dalle persecuzioni in altri Paesi; il diritto alla cittadinanza; il diritto al matrimonio; il diritto a non essere privato arbitrariamente della proprietà; il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza Pag. 102e di religione; il diritto alla libertà di riunione e associazione pacifica; il diritto di partecipare al governo del proprio Paese, sia direttamente, sia attraverso rappresentanti liberamente scelti.
La 65o sessione dell'Assemblea generale dell'ONU ha esaminato la bozza di risoluzione A/C.3/65/L.23 per una moratoria sulla pena di morte. Questa è la terza risoluzione in materia dal 2007. Amnesty International ha accolto con favore la decisione degli attuali 78 Stati di tutte le regioni del mondo di cosponsorizzare questa risoluzione ed esorta un numero maggiore di Stati a sostenerla.
L'Organizzazione per i diritti umani, inoltre, sollecita gli Stati ad opporsi a ogni emendamento che potrebbe modificare l'obiettivo centrale della risoluzione: ottenere una moratoria sulle esecuzioni in vista dell'abolizione della pena di morte. Quando l'ONU venne fondata, nel 1945, solo otto Stati avevano abolito la pena di morte per tutti i reati. Oggi non meno di 136 su 192 Stati membri delle Nazioni Unite sono abolizionisti per legge o nella pratica. Tra questi, anche l'Argentina e l'Uzbekistan, che sono diventati abolizionisti per tutti i reati nel 2008, seguiti da Burundi e Togo nel 2009.
Dei 53 Stati membri dell'Unione africana, 49 non hanno effettuato esecuzioni nel biennio 2008-2009. Nel 2009, in Asia, per la prima volta da diversi anni non ci sono state esecuzioni in Afghanistan, Indonesia, Mongolia e Pakistan. La zona Europa-Asia centrale è quasi libera dalla pena di morte: la Bielorussia è il solo Paese che ancora esegue sentenze capitali. Nelle Americhe, solo gli Stati Uniti applicano regolarmente la pena di morte, ma il numero di esecuzioni ogni anno è diminuito di circa la metà rispetto a un decennio fa. Per quanto riguarda Medio Oriente-Africa del Nord, negli ultimi anni non vi sono state notizie di esecuzioni in Algeria, Libano, Marocco e Tunisia.
Con la risoluzione del Parlamento europeo del 10 marzo 2010 sulla situazione della società civile e delle minoranze nazionali in Bielorussia il Parlamento europeo: esprime profonda preoccupazione per le recenti violazioni dei diritti umani perpetrate nella Repubblica di Bielorussia contro membri della società civile, in particolare contro membri dell'Unione dei polacchi e dichiara la propria solidarietà ai Pag. 103cittadini cui non è concesso di godere appieno dei propri diritti civili; condanna l'intervento della polizia e della magistratura ai danni dell'Unione dei polacchi e ogni tentativo da parte delle autorità bielorusse di imporre una nuova leadership alla comunità polacca; chiede che le autorità bielorusse conferiscano nuovamente status legale all'UPB guidato da Angelika Borys e provvedano affinché siano restituite all'organizzazione, a tempo debito, le relative proprietà; ribadisce il suo interesse per un dialogo aperto e strutturato con la Bielorussia a condizione che la democratizzazione del sistema politico del Paese porti a risultati concreti che riflettano il rispetto dei diritti dell'uomo e dello Stato di diritto; esorta la Bielorussia ad adempiere agli impegni assunti in seno all'OSCE e alla comunità internazionale per quanto riguarda la tutela e la promozione dei diritti delle sue minoranze; invita, nel contempo, le autorità a migliorare le condizioni per il funzionamento della società civile, con particolare riferimento alla libertà di espressione e di riunione, alla situazione dei mezzi d'informazione indipendenti, compreso l'accesso a Internet, e alla registrazione delle ONG, con l'obiettivo di preparare e consentire un processo elettorale libero ed equo per le elezioni comunali del 25 aprile 2010.
Nelle precedenti risoluzioni, in particolare quelle del 15 gennaio e del 17 dicembre 2009, si chiede che venga garantita la libertà di espressione e di associazione e la libertà di registrare partiti politici come la Democrazia cristiana bielorussa, la libertà di religione e l'instaurazione di condizioni che permettano ai soggetti della società civile, alle ONG (come «Viasna») e ai mezzi d'informazione indipendenti di operare in Bielorussia.
Il dialogo fra l'Unione europea e la Bielorussia può essere vantaggioso per entrambi e si ritiene che la Bielorussia possa essere assistita nell'ottenere il massimo beneficio dal partenariato orientale, in particolare ai fini del miglior uso dei fondi assegnati nel quadro di tale programma per progetti infrastrutturali, energetici e sociali e mediante l'applicazione di altri strumenti e politiche UE, purché le autorità bielorusse si assumano l'impegno di conseguire concreti cambiamenti nei Pag. 104settori delle libertà, della democrazia, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti dell'uomo e, soprattutto, in materia di diritti delle minoranze nazionali.
L'Unione europea ha già dimostrato una notevole apertura a un impegno nei confronti della Bielorussia, che ha trovato espressione anche nell'inserimento della Bielorussia nel partenariato orientale. Il successo di tale impegno dipende dai progressi del Governo bielorusso verso la democratizzazione e la difesa dei diritti umani, compresi i diritti delle minoranze.

Pag. 105

Il 25 ottobre 2010 il Consiglio europeo aveva invitato le autorità bielorusse a garantire che le elezioni si sarebbero tenute il mese successivo e che si sarebbero svolte in conformità delle regole e delle norme internazionali in materia di elezioni democratiche, nonché degli impegni assunti dalla Bielorussia stessa nell'ambito dell'OSCE e dell'ONU per quanto riguarda i miglioramenti da apportare alla propria legge elettorale al fine di allinearla alle norme internazionali in materia di elezioni democratiche, assicurando anche che avrebbero consultato tempestivamente l'OSCE in merito alle modifiche previste.
L'Assemblea nazionale bielorussa ha, invece, approvato una riforma del codice elettorale senza aver preventivamente consultato l'OSCE. La dichiarazione sui risultati e le conclusioni preliminari della missione internazionale di osservazione delle elezioni presidenziali in Bielorussia sono state rese note dall'Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani dell'OSCE e dall'Assemblea parlamentare dell'OSCE il 20 dicembre 2010 e hanno evidenziato, malgrado i pochi miglioramenti intervenuti nel periodo pre-elettorale, che le elezioni presidenziali del 19 dicembre 2010 non si sono svolte nel rispetto delle norme internazionali in materia di elezioni libere, eque e trasparenti; le elezioni hanno comunque portato alla rielezione del Presidente Lukašenko, con oltre 1'80 per cento dei voti.
A seguito delle critiche mosse dagli osservatori dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa circa le irregolarità del voto durante le ultime elezioni presidenziali, il Presidente bielorusso ha disposto, il 20 dicembre 2010, l'immediata chiusura dell'ufficio dell'OSCE a Minsk.
Oltre 700 persone sono state arrestate per aver partecipato alla manifestazione dello stesso 19 dicembre 2010 a Minsk e la maggior parte di esse è stata rilasciata dopo aver scontato brevi pene amministrative, mentre 24 militanti e giornalisti dell'opposizione, tra cui 6 candidati presidenziali, sono stati accusati di aver organizzato disordini di massa, attacchi violenti e resistenza armata, il che potrebbe comportare pene detentive fino a quindici anni. Pag. 106
All'indomani di tali gravi fatti, alcuni Paesi dell'Unione europea hanno dichiarato Lukašenko quale «persona non grata», mentre sono in corso discussioni all'interno dell'Unione europea sulla necessità di ripristinare sanzioni nei confronti degli esponenti del Governo bielorusso, anche con l'adozione di una nuova risoluzione del Parlamento europeo.
Tale ipotesi prevedrebbe, tra le altre, di impegnare il Consiglio, la Commissione e l'Alto rappresentante dell'Unione europea: a rivedere la politica dell'Unione europea nei confronti della Bielorussia, anche esaminando la possibilità di imporre sanzioni economiche mirate e di congelare tutti gli aiuti macrofinanziari forniti attraverso i prestiti del Fondo monetario internazionale e operazioni di prestito della BEI e della BERS; a modificare l'orientamento della politica europea di vicinato e dell'assistenza nazionale a favore della Bielorussia in modo da garantire un adeguato sostegno alla società civile; a reintrodurre immediatamente il divieto di visto per i dirigenti bielorussi, estendendolo anche ai funzionari pubblici, ai magistrati e agli ufficiali di sicurezza potenzialmente responsabili dei brogli e delle rappresaglie post-elettorali, nonché dell'arresto degli esponenti dell'opposizione, e a congelare i beni di tali persone.
Il Governo polacco ed il Parlamento lituani, in tal senso, hanno già imposto restrizioni di viaggio ai rappresentanti del regime di Minsk e, nel contempo, semplificato l'accesso all'Unione europea per i cittadini bielorussi. Tale sospensione non dovrebbe essere applicata ai rappresentanti di ONG e della società civile.
Considerato, pertanto, che già il 15 febbraio 2010 furono arrestati in Bielorussia 40 attivisti, per la maggior parte membri dell'Unione dei polacchi di Bielorussia (UPB), tra cui Angelika Borys (presidente dell'UPB) e Anatol Lebedzka (leader del partito di opposizione bielorusso), il Partito civico unito, allo scopo di impedire loro di partecipare al processo concernente la Casa dei polacchi di Ivyanets; la comunità dei polacchi, circa 400.000 persone, è costantemente oggetto di repressione e censura da parte delle autorità bielorusse.
Il ricorso alla violenza da parte della polizia e dei servizi del KGB nei confronti dei manifestanti durante la giornata elettorale e, in particolare, la brutale aggressione a Vladimir Pag. 107Neklyaev, hanno comportato gravi violazioni dei principi democratici fondamentali, come quelli della libertà di riunione e di espressione, nonché dei diritti umani.
Preoccupazione hanno destato i tentativi delle autorità bielorusse di affidare alla custodia dello Stato Danil Sannikov, il figlio di tre anni del candidato alle elezioni presidenziali Andrej Sannikov e di Irina Chalip (una giornalista investigativa), i quali dal giorno delle elezioni si trovano entrambi in carcere; il Presidente del Parlamento europeo, l'Alto rappresentante dell'Unione europea e il Segretario generale dell'ONU hanno condannato la repressione della manifestazione del 19 dicembre 2010 e le ulteriori misure adottate dalle forze di polizia nei confronti dell'opposizione democratica, dei mezzi di comunicazione indipendenti e degli attivisti della società civile.
Risulta che gli avvocati che rappresentano i manifestanti, gli oppositori politici o le loro famiglie sono minacciati di perdere la loro licenza o essere radiati. La dichiarazione del Vertice di Praga sul partenariato orientale aveva ribadito gli impegni, sottoscritti anche dalla Bielorussia, nei confronti dei principi del diritto internazionale e dei valori fondamentali, tra i quali la democrazia, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali;
Il 1o febbraio 2010 Alexander Lukašenko aveva firmato un decreto che imponeva la censura su Internet e aveva creato un centro di analisi in grado di monitorare Internet e di esigere che i fornitori di accesso al servizio potessero bloccarlo nel giro di 24 ore, fatto che ha posto poi la Bielorussia allo stesso livello di Paesi come la Cina, la Corea del Nord e l'Iran.
Il Consiglio europeo ha ribadito la propria disponibilità ad approfondire le relazioni con la Bielorussia, subordinatamente al raggiungimento in Bielorussia di sviluppi positivi verso la democrazia, i diritti umani e lo Stato di diritto, così come la disponibilità ad assistere il Paese nel conseguimento di tali obiettivi. La mossa della Federazione russa, che ha riconosciuto le elezioni e descritto la repressione come un «affare interno», è stata deplorata anche dalla Commissione europea, intenta ad avviare un processo di dialogo, consultazione e coordinamento politico con i Paesi terzi limitrofi della Bielorussia che intrattengono tradizionalmente relazioni speciali con tale Paese, onde massimizzare l'efficienza della politica UE nei confronti della stessa e cooperare al fine di coniugare Pag. 108opportunamente la risposta al deficit democratico e alle violazioni dei diritti umani con la necessità di evitare l'isolamento internazionale del Paese.
Va ricordato, infine, che in occasione del primo vertice bilaterale tra un Capo di Governo di un Paese membro dell'Unione europea e il Presidente bielorusso, che si è svolto il 30 novembre 2009 a Minsk, il Presidente del Consiglio dei ministri Silvio Berlusconi dichiarò pubblicamente, rivolgendosi a Lukašenko: «La sua gente la ama e questo è dimostrato dai risultati delle elezioni, che sono sotto gli occhi di tutti, che noi apprezziamo e conosciamo», elezioni che - ricordo - furono, invece, definite dall'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa in grave violazione degli standard internazionali sottoscritti dai Paesi membri dell'OSCE.
Nel 2014 è previsto che si svolga in Bielorussia il campionato mondiale di hockey su ghiaccio. Secondo notizie a mezzo stampa, la posizione del Governo italiano, in linea con le dichiarazioni di Lukašenko e del Presidente del Consiglio dei ministri del novembre 2009, sarebbe contraria ad una dura condanna politica di quanto avvenuto nel corso delle elezioni presidenziali del 2010.
In ragione di tutte le questioni aperte che ho sottolineato, l'Italia dei Valori con questa mozione intende semplicemente impegnare il Governo a fare qualcosa di più e meglio di quanto ha fatto il nostro premier, e segnatamente: a sostenere con forza l'azione europea circa l'introduzione di sanzioni personali, come la sospensione dei visti verso l'Unione europea, nei confronti degli esponenti del Governo e dell'apparato di sicurezza bielorusso - che si sono resi responsabili delle gravissime violazioni delle norme democratiche e dei diritti umani in occasione delle ultime elezioni presidenziali - quanto meno fintantoché tutti i prigionieri e detenuti politici non saranno stati liberati e scagionati da ogni accusa; a sospendere l'adozione di iniziative bilaterali con il regime bielorusso, che minano la credibilità e l'efficacia della politica estera europea; a chiedere nelle sedi opportune e attraverso i canali diplomatici il rilascio immediato e incondizionato di tutte le persone arrestate durante la giornata elettorale e all'indomani della stessa, nonché dei prigionieri di coscienza riconosciuti da Amnesty International; a chiedere alle autorità bielorusse di fornire ai detenuti accesso, senza restrizioni ai propri familiari, all'assistenza legale e alle cure mediche; a Pag. 109condannare fermamente le azioni delle autorità bielorusse nei confronti dei membri dell'organizzazione che rappresenta la minoranza nazionale polacca e ribadire il proprio appello alla Bielorussia affinché rispetti i diritti umani e i diritti di tutti i suoi cittadini; a chiedere con forza che vengano garantite la libertà dei media, la libertà di associazione e di riunione, la libertà di religione per le chiese diverse dalla Chiesa ortodossa bielorussa, e gli altri diritti e libertà politiche e - da ultimo e non penultimo - a sostenere l'ipotesi avanzata in sede europea di una sospensione dei campionati mondiali di hockey su ghiaccio previsti per il 2014, fintantoché restano ancora in prigione i detenuti politici.
Questo è il minimo che si possa chiedere alla Bielorussia e al suo capo, in questo caso famigerato, Lukašenko.

Pag. 110

PRESIDENTE. È iscritto a parlare l'onorevole Mecacci, che illustrerà anche la mozione Tempestini ed altri n. 1-00536, di cui è cofirmatario.

MATTEO MECACCI. Signor Presidente, le ragioni a favore della necessità che il nostro Parlamento prenda, oggi e nella giornata di domani, una decisione netta su quanto sta avvenendo in Bielorussia, in questi giorni, e su quello che è accaduto nelle scorse settimane, sono state già esposte, sia dal collega Della Vedova che dal collega Di Stanislao. Credo, però, che questa sia un'opportunità per cercare di affrontare, anche all'interno di quest'Aula, un argomento, come quello della politica estera, che, in tutti i Paesi europei, se avesse ad oggetto gli argomenti di cui trattiamo oggi e, cioè, in particolare, quello che è l'atteggiamento del nostro Presidente del Consiglio nei confronti di alcuni esponenti e leader politici che sono universalmente riconosciuti come leader autoritari e, quindi, non democratici, sarebbe al centro del dibattito politico e della discussione su quello che debba essere il futuro di un Paese come il nostro che - lo ricordiamo - è sempre un Paese che è tra i fondatori dell'Unione europea e che, da oltre cinquanta anni, fa parte dell'Alleanza atlantica.
Credo che sarebbe anche l'ora di iniziare a discutere delle differenze e delle distanze che spesso esistono fra le posizioni che il nostro Presidente del Consiglio prende in occasione di vertici bilaterali che avvengono, o nel nostro Paese o all'interno dei Paesi che visita, da quelli che, poi, sono i comunicati e le attività normali che vengono svolte dalla Farnesina. Vi è spesso una non corrispondenza perché le dichiarazioni, ricordate sia da Della Vedova che da Di Stanislao, che il Presidente del Consiglio Berlusconi ha fatto, ad esempio, a Minsk nel 2009 o nel corso del vertice OSCE di Astana, in Kazakhstan, non le abbiamo mai sentite fare da altri esponenti della Farnesina, né dal Ministro degli esteri né dai sottosegretari, inclusa la sottosegretaria Craxi che è qui davanti a noi. È chiaro che il Presidente del Consiglio ha il compito di indirizzare la politica del Governo, però, quando non vi è corrispondenza tra Pag. 111l'attività del nostro apparato politico e diplomatico, che è presente in centinaia di Paesi del mondo, e quello che il Presidente del Consiglio dichiara in occasione, appunto, di questi incontri dove rappresenta, naturalmente, tutto il Governo, credo che si ponga un problema di gestione della politica estera del nostro Paese e di non coerenza tra quelle che sono le attività giorno per giorno della Farnesina e, poi, quello che, pubblicamente, riceve anche l'attenzione dei media.
Credo che questo - consentirà il sottosegretario Craxi - possa essere argomento di dibattito politico in un Paese o dovrebbe quantomeno esserlo in un Parlamento dove, appunto, le attività del Governo devono essere oggetto di controllo e, possibilmente, anche di indirizzo. Questo Parlamento, infatti, ha approvato, nel corso di questi due anni e mezzo, anche una serie di provvedimenti, di mozioni parlamentari, che, poi, spesso, il suddetto tipo di dichiarazioni vanificano nel nulla. Credo che, allora, sia importante cercare di avere un testo che sia considerato dal Governo tutto, e non solo dalla Farnesina, come un documento vincolante. Questo perché? Perché il Governo italiano e, in particolare, il Presidente del Consiglio, si è assunto, nei confronti della Bielorussia - ma potremmo estendere la discussione a tanti altri argomenti - delle precise responsabilità politiche. Lo ha fatto con la piena consapevolezza perché è un leader politico che, evidentemente, sa quello che fa e sa quello che vuole; quando, però, si fanno certe dichiarazioni, come quelle che sono state ricordate, si dà a questi leader autoritari quello di cui hanno più bisogno e, cioè, in un mondo che è globalizzato dal punto di vista economico, gli si offre la legittimazione democratica. Si afferma che, nel mondo contemporaneo, tutti i Paesi sono interdipendenti, tutti i Paesi dipendono l'uno dall'altro dal punto di vista economico e finanziario, quindi iniziamo ad essere tutti uguali anche dal punto di vista del rispetto dei diritti umani e della legittimazione democratica che questi leader hanno. Questo non è vero.
Quando si fa questo nei confronti di Gheddafi, nei confronti di Lukašenko, nei confronti di Nazarbayev, nei confronti di Ben Alì e potremmo continuare con Putin e con tanti altri personaggi, si mette non soltanto questo Governo, ma l'intero Paese in una posizione di profonda debolezza perché quando poi ci si rivolge alle istituzioni internazionali per chiedere Pag. 112assistenza o per chiedere che il nostro Paese sia meglio rappresentato all'interno di queste istituzioni, a partire dalle Nazioni Unite, per non parlare dell'Unione europea ma anche l'OSCE e molte organizzazioni internazionali, ci troviamo a scontarlo e molti esponenti della Farnesina, ambasciatori e persone che lavorano in questo settore sanno che in questo modo la posizione e le possibilità per il nostro Paese di poter influire e contare a livello internazionale vengono indebolite. Ciò accade perché credo che il Presidente del Consiglio abbia fatto un grave errore di valutazione: pensare, cioè, che instaurare un rapporto privilegiato, come lui stesso dice anche di amicizia e di carattere personale, con questi leader autoritari si traduca automaticamente in vantaggi per il Paese sia dal punto di vista politico che economico. Tuttavia se guardiamo anche ad alcuni degli interessi strategici del nostro Paese a partire da quelli dell'ENI o a quelli di Finmeccanica o di molti altri Paesi noi vediamo che in realtà a queste aperture di credito che vengono fatte nei confronti di questi leader non corrispondono vantaggi specifici e precisi per il nostro Paese. Ci sono anche altri Paesi che hanno buone relazioni economiche con la Cina, con il Kazakhstan e che non fanno questo tipo di dichiarazioni. Basti pensare all'ENI. L'ENI ha importanti interessi economici in Kazakhstan ed è notizia di cui si parla poco nel nostro Paese, tuttavia lei sa benissimo, signor sottosegretario, che vi sono alcuni manager dell'ENI che sono sotto processo in Kazakhstan e alcuni sono stati anche espulsi per violazione delle norme sul lavoro. Infatti esiste un contenzioso con le società legate al Governo kazako per lo sfruttamento dei giacimenti che sono gestite dal sistema giudiziario kazako, dove le possibilità anche di tutela giuridica degli interessi nelle nostre aziende, in questo caso di un'azienda che è anche partecipata dal Ministero dell'economia e delle finanze, non hanno possibilità di essere difesi.
In Bielorussia, quando il Presidente del Consiglio fece la famosa dichiarazione resa - lo dico per inciso - mentre si svolgeva ad Atene il summit dell'OSCE alla presenza di tutti i Ministri degli esteri, e non mi ricordo se fu proprio lei a recarsi ad Atene nel 2009, dichiarazioni che legittimavano il consenso popolare di Lukašenko come democratico esse venivano fatte nel giorno in cui si riuniva l'organizzazione che Pag. 113aveva definito quelle stesse elezioni come non democratiche. Allora si era detto, si era parlato tanto sui giornali della possibilità che questo tipo di rapporto privilegiato con la Bielorussia avrebbe prodotto vantaggi economici per il nostro Paese: un'area speciale a tassazione ridotta per le imprese italiane sul modello di Timisoara. È passato oltre un anno e di ciò non si è avuto più traccia. Si è parlato della consegna da parte di Lukašenko al Presidente del Consiglio Berlusconi della lista degli italiani morti in Bielorussia durante la seconda guerra mondiale e che erano lì dispersi e che finalmente avrebbe consentito anche alle famiglie di queste persone di sapere che fine avevano fatto i loro cari, ma si è saputo pochissimo. Nell'ultimo incontro al Ministero degli affari esteri, del Ministro Frattini con il Ministro degli esteri bielorusso, di questo non si è parlato.
Dunque, ritengo che vi sia un problema che si pone non solo dal punto di vista teorico, quasi di scontro ideologico, tra i realisti, che farebbero questo tipo di scelte, e gli idealisti che pensano soltanto ai diritti umani, alle belle anime, che non tengono conto degli interessi più generali di un Paese. Credo che invece la posizione di quei Governi anche all'interno dell'Unione europea o che vengono dagli Stati Uniti e che su alcuni punti cercano di tener ferma la barra e di non cedere alla legittimazione democratica di chi non se la merita vi sia anche la tutela di un interesse strategico nel nostro Paese e dell'umanità tutta.

Pag. 114

Mi riferisco alla necessità che si favorisca il crescere ed il rafforzarsi di istituzioni e di Governi che siano amici non solo perché si riesce a stabilire un rapporto di carattere personale, che sappiamo quanto possa essere labile e quanto poi sia rischioso, perché a livello personale tutti si passa all'interno delle istituzioni e nessuno resta a vita, almeno appunto nei Paesi democratici, quindi se i rapporti fra Paesi si fondano su questo tipo di relazioni è chiaro che si fondano su un terreno che è facilmente controvertibile e che poi può arrecare danni al Paese.
Quindi penso che sia importante l'occasione della discussione che vi sarà alla fine del mese al Consiglio dell'Unione europea e credo che il Parlamento possa contribuire anche in questo senso, rendendo finalmente pubblico il dibattito e spero che anche i mezzi di informazione su questo vogliano soffermarsi, perché occorre arrivare alla presa di decisione e alla pronuncia di dichiarazioni pubbliche che non siano appunto il frutto di valutazioni estemporanee o colpi di genio o d'ingegno del Primo ministro, ma che siano il frutto di un'elaborazione politica, alla quale possa contribuire il Parlamento, alla quale possa contribuire il Ministero degli affari esteri e che tenga conto degli interessi del nostro Paese, che innanzitutto sono gli interessi di un Paese che è membro dell'Unione europea. Dunque fare sempre, all'interno dell'Unione europea, la parte del difensore dei dittatori e degli autocrati non è nell'interesse del nostro Paese.
Credo che questa sia un'opinione legittima e credo che sia un'opinione che, se fosse interpellata, anche l'opinione pubblica del nostro Paese condividerebbe, perché non credo che vi siano stati molti italiani che siano stati soddisfatti del trattamento che le nostre istituzioni, per esempio hanno riservato a Gheddafi nel nostro Paese o di tante altre dichiarazioni che sono state fatte dal Presidente del Consiglio.
Tuttavia in quell'occasione, a fine mese, l'Unione europea deve pronunciarsi su alcuni punti precisi. È stato già ricordato: sostanzialmente tutta l'opposizione bielorussa è stata decapitata, sei dei candidati presidenziali sono stati arrestati, quattro sono ancora in galera, rischiano di decine di anni di prigione e con loro tutti i principali responsabili delle campagne Pag. 115presidenziali dell'opposizione e gli esponenti delle maggiori organizzazioni che si occupano dei diritti umani sono in galera.
Non reagire a questo con una decisione di censura politica piena e con la cessazione dei rapporti politici privilegiati che l'Unione europea aveva cercato di riavviare anche nel corso dell'ultimo anno significherebbe premiare un comportamento sbagliato e questo sarebbe percepito da tutta la popolazione bielorussa, al di là di quello che possono dire anche altri colleghi ed altre persone. Infatti questa non è una decisione che mira ad interrompere i rapporti con quella popolazione, anzi vi sono sul tavolo proposte anche di facilitazione dei visti per i cittadini bielorussi che vogliano venire a studiare in Europa o che vogliano avere rapporti più stretti con i cittadini europei; ciò non va assolutamente in contraddizione con la necessità di dire chiaramente a chi rappresenta le istituzioni di quel Paese che non si può - come appunto è stato fatto la notte del 19 dicembre: io stavo lì a Minsk con la missione elettorale dell'OSCE - mandare in piazza migliaia e migliaia di soldati con caschi, bastoni e scudi ed arrestare oltre seicento persone, picchiare donne, ragazze e persone anziane, che non sono state colpevoli di nessuna violenza, ma semplicemente chiedevano il rispetto di quelli che erano gli standard internazionali che la Bielorussia si era impegnata a seguire e che purtroppo anche in questa occasione non ha rispettato.
Quindi mi auguro che il Governo su questo aspetto possa tenere una posizione che sia diversa da quella che è stata espressa in passato dal nostro Presidente del Consiglio (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).

PRESIDENTE. È iscritto a parlare l'onorevole Migliori, che illustrerà anche la mozione Antonione, Stefani, Sardelli ed altri n. 1-00537, di cui è cofirmatario. Ne ha facoltà.

RICCARDO MIGLIORI. Signor Presidente, colleghi, a nome del gruppo del Popolo della Libertà, ho l'onore di illustrare il senso della mozione del nostro gruppo sugli avvenimenti recenti in Bielorussia, soprattutto considerando l'esito delle elezioni di domenica 19 dicembre 2010, che hanno riconfermato, attraverso un'elezione che è stata giudicata non conforme agli standard europei, né libera e giusta dall'OSCE, Alexander Lukašenko alla Presidenza della Repubblica bielorussa. Pag. 116
Vorrei partire proprio da qui, cioè da un dato di fatto: la dichiarazione dell'OSCE sul procedimento elettorale e sullo stesso giorno delle elezioni. L'OSCE ha dichiarato che le elezioni presidenziali hanno dimostrato che la Bielorussia ha ancora davanti un cammino considerevole per rispettare i requisiti OSCE in materia di elezioni, nonostante qualche progresso sia stato compiuto. Durante il procedimento elettorale, è stato consentito ai candidati di far conoscere in modo libero le proprie posizioni attraverso i mezzi di comunicazione di massa e sono stati organizzati anche due confronti televisivi. Tuttavia, si rileva come soprattutto la cornice legale non fornisca sufficienti garanzie, perché la commissione centrale delle elezioni, che controlla la regolarità delle stesse, ha sì amministrato in maniera trasparente gli aspetti tecnici del processo elettorale, tuttavia, pecca di imparzialità, essendo minimale la presenza dell'opposizione al suo interno.
In particolare, risultano poi carenti le garanzie della regolarità del voto in anticipo rispetto all'apertura dei seggi e dello scrutinio. Ciò - in questo momento, parlo come presidente della delegazione parlamentare italiana all'Assemblea parlamentare dell'OSCE - è stato rilevato nel corso di tutte le ultime elezioni in Bielorussia e, in particolare, nelle elezioni politiche del settembre del 2008. Durante tali elezioni, si registrò la stessa distorsione del processo di trasparenza democratica necessaria, cioè il voto anticipato senza garanzie, che riguarda una fetta considerevole dell'elettorato (fra il 20 e il 25 per cento). Si registrò, inoltre, a differenza degli altri Paesi - anche dell'area impegnata con difficoltà nella transizione tra comunismo e democrazia - l'impossibilità per gli osservatori di verificare de visu il conteggio e lo scrutinio, essendo stati gli stessi allontanati a più di dieci metri dal tavolo dove si svolgevano le operazioni di scrutinio, proprio per evitare qualsiasi tipo di verifica circa la regolarità delle stesse.
Ho citato non a caso il giudizio ufficiale dell'OSCE perché, nel corso di questi anni, rispetto anche al periodo più duro delle sanzioni dell'Unione europea, grazie anche all'iniziativa italiana, in quel Paese si sono registrati progressi. Vorrei sottolinearne alcuni: il confronto con la cosiddetta commissione di Venezia, che ha aperto circa la modifica della legge Pag. 117elettorale, che nel settembre 2012 porterà alle nuove elezioni (oggi, esiste un sistema elettorale di tipo maggioritario, secco, a collegi, che non permette la presenza dell'opposizione nel Parlamento bielorusso); la possibilità, per la prima volta, che con dieci candidati alternativi a Lukašenko sia aperto un minimale, seppur significativo, confronto televisivo; la possibilità di sottoscrivere centomila firme a sostegno di ogni candidatura e, quindi, con un'esplicazione in termini significativi delle libertà relative alla predisposizione e alla presentazione delle candidature alternative.
Questo aveva fatto sperare molto. Una settimana prima del voto, non Berlusconi, ma il Ministro degli esteri tedesco Westerwelle e il Ministro degli esteri polacco Sikorsky si erano recati a Minsk, valutando positivamente i progressi che si erano registrati per quel che riguarda il procedimento elettorale e - aggiungo - le libertà religiose e la tutela della minoranza polacca di Hrodna. Purtroppo, le attese positive che si erano accumulate nel corso dei mesi per questo progresso e per questa evoluzione democratica del sistema politico bielorusso, sono state clamorosamente smentite.

Pag. 118

Nella giornata e, soprattutto, nella notte del 19 dicembre 2010, quattro candidati alla Presidenza (Sannikov, Statkevitch, Kastussev, Rymachevski) sono stati arrestati e con loro un numero significativo di cittadini che, con le insegne dell'Unione europea, protestavano nella piazza centrale di Minsk nei confronti dei risultati elettorali e dei brogli che si denunciavano.
Voglio dire, colleghi, che, a differenza di alcuni toni che ho sentito più nei documenti che negli interventi che si sono registrati oggi pomeriggio, mi è parsa molto lineare la posizione del Ministro degli affari esteri Frattini e anche l'atteggiamento del Governo. Il Ministro Frattini, a dimostrazione di un rapporto molto significativo e particolare del nostro Paese con la Bielorussia, ha ricevuto due giorni dopo le elezioni il Ministro degli esteri Martynov a Roma, poi il giorno successivo in visita al cardinal Bertone presso la Santa Sede.
In quella occasione si è denunciata con forza l'esigenza di un pronto ristabilimento delle condizioni minimali di libertà in quel Paese - e soprattutto il rilascio di chi era stato incarcerato - e soprattutto veniva ribadita la particolare sensibilità del nostro Paese nei confronti della Bielorussia a causa delle decine di migliaia di famiglie italiane che hanno adottato ed ospitato nel corso degli ultimi anni, soprattutto dopo Chernobyl, migliaia e migliaia di bambini bielorussi, instaurando un legame significativo con quel Paese. Successivamente - non è emerso dal dibattito, ma voglio dirlo - il Ministro degli affari esteri ha dato istruzione all'ambasciatore d'Italia a Minsk, come, del resto, è accaduto per gli altri ambasciatori dei Paesi dell'Unione europea, di non partecipare al giuramento e alla solenne cerimonia con la quale il Presidente Lukašenko ha iniziato il suo quinquennio presidenziale.
Voglio dire che sono in corso all'interno dell'Unione europea confronti per addivenire ad una nuova stagione di sanzioni e si sta discutendo su quale tipo di sanzioni adottare. Sottolineo che una questione particolarmente grave riveste la decisione del Governo bielorusso di non autorizzare la riapertura annuale della missione OSCE a Minsk. Questo è un elemento importante e, oserei dire, dirimente perché la Pag. 119chiusura della missione OSCE a Minsk significa la perdita di un legame fondamentale, di un cronometro, direi, circa l'evoluzione democratica di quel Paese. In queste ore Azubalis, il Ministro degli esteri lituano che è il presidente in esercizio dell'OSCE, sta tentando a Vienna, a Vilnius e a Minsk di convincere i governanti bielorussi a tornare sulle loro decisioni, perché la chiusura dell'ufficio della missione OSCE a Minsk rappresenterebbe, in modo irreversibile, la perdita di un legame e di un confronto di fondamentale importanza per l'evoluzione positiva in senso democratico di quel Paese.
Presumo che il Ministero degli affari esteri e, soprattutto, la sottosegretaria Craxi che interverrà alla fine del nostro dibattito, garantirà all'Assemblea che l'Italia farà la sua parte per quel che riguarda le decisioni che il 31 gennaio verranno prese unitariamente dall'Unione europea sotto questo profilo.
Nella nostra mozione invitiamo il Governo a tenere in particolare considerazione un'esigenza che a me pare prioritaria, cioè quella di effettuare concreti gesti di solidarietà e di sostegno alla società civile bielorussa nello spirito di una collaborazione con l'Unione europea che va incoraggiata e rilanciata. Sollecitiamo l'immediato rilascio di quanti siano ancora detenuti per motivazioni di natura esclusivamente politica e chiediamo un impegno assieme ai partner dell'Unione europea per esercitare ogni necessaria pressione, anche attraverso il temporaneo ripristino di sanzioni verso i responsabili degli abusi, affinché le autorità di Minsk imbocchino con decisione il cammino verso il raggiungimento degli standard europei in materia di stato di diritto e libertà democratiche.
Il Governo bielorusso è abitato al proprio interno da varie componenti. L'attentato che due anni fa sconvolse il centro di Minsk non è mai stato chiarito adeguatamente; noi pensiamo che sia necessario rafforzare coloro che, all'interno anche del sistema politico bielorusso, guardano all'Europa come incontrovertibile futuro ed approdo per quel Paese. Pensiamo, cioè, che non si debba rompere quel filo, oggi esile, di dialogo con le autorità bielorusse verso la definitiva democratizzazione e europeizzazione di quel Paese.

PRESIDENTE. La invito a concludere.

RICCARDO MIGLIORI. Mi avvio a concludere, signor Presidente, certo è, onorevoli colleghi, come è stato detto più Pag. 120volte in questo dibattito, che se non è possibile l'«indifferentismo» tra Paesi dittatoriali e non, è anche sbagliato non differenziare le sanzioni che si intendono assumere a livello di Unione europea nei confronti di questi Paesi. Trovo piuttosto originale che l'Unione europea cessi le sanzioni contro Cuba, non preveda sanzioni nei confronti del Turkmenistan, pensi a sanzioni di media gravità nei confronti della Bielorussia.
Penso che questo dibattito, liberato da provincialismi e strumentalismi evidenti, possa essere utile se riesce a dare al Parlamento italiano, al nostro Governo, e conseguentemente all'Unione europea una linea complessiva e unitaria di condotta rispetto a un tema fondamentale quale quello del confronto tra realismo ed essenziale sottolineatura dei diritti umani in ogni parte del mondo che ogni Governo, sotto il profilo della quotidianità e dei rapporti internazionali, dovrebbe assumere (Applausi dei deputati del gruppo Popolo della Libertà).

PRESIDENTE. Non vi sono altri iscritti a parlare e pertanto dichiaro chiusa la discussione sulle linee generali delle mozioni.

(Intervento del Governo)

PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il sottosegretario di Stato per gli affari esteri, onorevole Craxi.

STEFANIA GABRIELLA ANASTASIA CRAXI, Sottosegretario di Stato per gli affari esteri. Signor Presidente, concordo con chi è intervenuto prima che discutere della situazione in Bielorussia dopo i gravi incidenti seguiti alle contestate e recenti elezioni presidenziali è una scelta assolutamente opportuna soprattutto in vista del dibattito che, su questo tema, si svilupperà in occasione del Consiglio affari esteri dell'Unione europea il prossimo 31 gennaio. Non a caso questo importante argomento è stato affrontato anche la settimana scorsa dal Parlamento europeo. Il Governo italiano ha registrato con grande preoccupazione le preliminari indicazioni degli osservatori OSCE sulla possibilità di diffusi brogli nello spoglio dei voti presidenziali bielorussi del 19 dicembre 2010. Siamo in attesa di conoscere il rapporto finale. Pag. 121
Vorrei, al contempo, respingere le accuse di ambiguità dell'azione del Governo italiano. Anche sulle violenze post elezioni il Governo italiano si è subito pronunciato esprimendo una netta condanna; già all'indomani delle consultazioni bielorusse il ministro Frattini ha definito inaccettabili le misure repressive adottate dalle autorità di Minsk a danno dei manifestanti e di alcuni candidati alle elezioni. Tali eventi, ha dichiarato il Ministro, danneggiano il clima di fiducia e ostacolano qualsiasi processo di reintegrazione della Bielorussia nella comunità internazionale. Preoccupazioni dello stesso colore sono state poi ribadite dal Ministro Frattini direttamente al suo omologo bielorusso Martinof; l'incontro si è tenuto a Roma, era già stato programmato e si trattava di una cerimonia con le famiglie dei bambini bielorussi adottati nel nostro Paese.
L'Italia si attende e chiede alle autorità bielorusse che vengano al più presto liberate le persone arrestate unicamente per motivi ideologici e che i presunti responsabili delle violenze vengano giudicati in giusto processo. Il Ministro Frattini nel richiedere al suo omologo il rilascio dei detenuti politici, ha chiesto anche che le condizioni di detenzione rispettino gli standard europei e che sia garantito ai detenuti l'accesso alle visite dei familiari, l'assistenza legale e le cure mediche.

Pag. 122

Il Governo si impegna a sollecitare ancora le autorità bielorusse e a dare seguito a tali richieste. Minsk deve prendere sul serio le preoccupazioni che sono dell'Italia e dell'Unione europea e capire che l'Unione europea è, innanzitutto, una comunità di valori che chi vuole dialogare con noi deve rispettare.
Rivendico, altresì, la costante azione del Governo italiano in difesa dei diritti umani e il costante dialogo che intratteniamo su questo tema anche con le nazioni che tali diritti non rispettano. Oltre al chiaro messaggio che è stato inviato dal Governo subito in sede bilaterale ai governanti di Minsk il Governo italiano non ha mancato di adoperarsi, di concerto con i partner europei, per l'adozione di un pacchetto di misure sanzionatorie a carico dei dirigenti politici di Minsk e delle personalità che a diverso titolo sono state coinvolte nella repressione. Le misure, mirate con exit strategy definite e tali da non pregiudicare i canali di contatto con la Bielorussia, includono il divieto di ingresso nei Paesi dell'Unione europea per diverse alte cariche, compreso il Presidente Lukašenko.
L'Italia sostiene anche l'opportunità di congelare i beni di diverse alte cariche bielorusse con carattere revocabile secondo i progressi dimostrati in materia di rispetto delle libertà democratiche fondamentali e dei diritti umani. Ci attendiamo che tali misure vengano approvate dal Consiglio affari esteri di lunedì prossimo.
Con diversi altri Governi europei nelle sedi comunitarie abbiamo sostenuto l'esigenza di preservare, nei modi e nelle forme dovute, il dialogo critico che l'Unione europea ha avviato con la Bielorussia. Siamo convinti che mantenere aperto un canale di contatto con le autorità di Minsk è anche la condizione per stigmatizzare con fermezza gli atti di coercizione ispirati a ragioni esclusivamente politiche e di condannare la violazione delle libertà civili, impedendo tuttavia che il Paese torni a una condizione di isolamento internazionale.
In quella condizione la costruzione di futuro democratico del Paese apparirebbe, infatti, un auspicio ancora più vano. La storia recente ci ha dimostrato che la prospettiva di avvicinamento Pag. 123all'Unione europea costituisce un pungolo assai potente nei confronti dei Paesi più restii ad adottare le necessarie riforme democratiche sul piano interno.
L'Italia promuove, insieme all'Unione europea e sul piano bilaterale, iniziative volte a favorire lo sviluppo democratico della Bielorussia e la piena affermazione delle libertà politiche e civili, tanto dei cittadini bielorussi, quanto delle organizzazioni politiche attraverso cui la vita democratica si svolge. Sosteniamo, in particolare, la riapertura e il proseguimento dei lavori della missione OSCE di Minsk, chiusa a dicembre 2010 dalle autorità.
Il Governo italiano opera una netta distinzione tra quanti hanno inflitto e quanti hanno invece subito le opere di repressione. L'intesa con i partner dell'Unione europea è in linea anche con la risoluzione adottata dal Parlamento europeo.
L'Italia persegue, pertanto, nei confronti della Bielorussia, una politica articolata. Che cosa significa in concreto? Significa sostenere misure opportunamente sanzionatorie nei confronti dei responsabili di brogli elettorali e degli atti di violenza verificatisi in occasione delle elezioni del 19 dicembre 2010, ma significa anche non abbandonare e piuttosto rafforzare il tradizionale impegno del nostro Paese a favore della società civile bielorussa. Significa beneficiare, ad esempio, delle borse di studio che il Ministero degli affari esteri offre a diversi giovani (e intende continuare ad offrire) o che sono ospiti delle nostre scuole e dei nostri atenei.
Coerenti con l'obiettivo di non privare il popolo bielorusso della nostra tradizionale amicizia guardiamo e parteciperemo con spirito costruttivo alla Conferenza dei donatori in favore della società civile bielorussa organizzato dalla Polonia a Varsavia il 2 febbraio, una Conferenza che si deve prefiggere l'obiettivo di dimostrare con fatti concreti la vicinanza della comunità internazionale alla società civile bielorussa.
Un tale atteggiamento di sincera solidarietà alla società bielorussa, contrario all'interruzione del dialogo critico con le autorità di Minsk, risulta a ben vedere opportuno e responsabile. Vogliamo anche preservare i solidi vincoli affettivi che tuttora legano giovani bielorussi alle famiglie italiane che li ospitarono nelle settimane successive al disastro di Chernobyl.
In conclusione, ritengo che, a seguito dei gravi fatti accaduti, il nostro Governo stia conducendo un'azione che, Pag. 124lungi dall'essere ambigua come qualcuno sostiene, è, invece, attentamente calibrata, contribuendo, in maniera attiva in sede dell'Unione europea - ma non solo - alla definizione di un pacchetto articolato e ben ponderato di misure che evitano, però, il rischio che le precise responsabilità degli uni finiscano per andare a colpire anche gli altri (Applausi dei deputati del gruppo Popolo della Libertà).

PRESIDENTE. Il seguito della discussione è rinviato ad altra seduta (alle ore 16 del 25 Gennaio 2011).