Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 

 

 

LETTEREA ENTE BRUTIA ALLE FAMIGLIE

Gentili coniugi

Oggetto: situazione procedure adottive in Bielorussia, ns. prot. N° …/05 V.

Gentilissimi coniugi,

La presente per informarvi sulla situazione venutasi a creare in Bielorussia:
a fine ottobre 2004 le adozioni internazionali in Bielorussia sono state “differite” in seguito a un intervento del Presidente Lukascenko, il quale ha sostanzialmente dato due disposizioni al Centro Adozioni di Minsk. La prima prevedeva che il Centro Adozioni verificasse il collocamento e le condizioni di tutti i minori adottati all’estero dal 1991 ad oggi (circa 2.285 bambini) su questi minori è stata già presentata apposita relazione al Consiglio dei Ministri. La seconda stabiliva che il Governo potenziasse il controllo sulle procedure di adozione internazionale.
A seguito di tali interventi del Presidente Bielorusso, sono state proposte varie modifiche alla legislazione bielorussa in materia di adozioni internazionali.

Fra le conseguenze:

il periodo di sussidiarietà per l’adozione internazionale dovrebbe passare dagli attuali sei mesi a dodici mesi

ogni procedura di adozione internazionale dovrebbe essere soggetta all’approvazione di altri quattro organi ufficiali, oltre i due attuali

le relazioni sui minori adottati all’estero dovranno essere trasmesse annualmente per un periodo di cinque anni

saranno favorite le procedure di adozione internazionale riguardanti in generale SOLO minori disabili o malati che non possono ricevere adeguate cure in bielorussia.

L’attuale politica del governo bielorusso consiste molto semplicemente nel ridurre al minimo il numero di adozioni internazionali, preferendo collocare i bambini bielorussi presso famiglie all’interno della repubblica di Bielorussia.

Allo stato, pertanto, stante la chiusura del Consolato Bielorusso in Italia e considerando che su tale difficile situazione venutasi a creare in Bielorussia nessuna notizia ufficiale è mai pervenuta all’ente Brutia né da Organi Bielorussi né da Organi Italiani, siamo nell’impossibilità di effettuare previsioni sui tempi di avvio e soprattutto di completamento della procedura adottiva in Bielorussia per la quale ci avete incaricati.

Sarà nostra cura notiziari sugli eventuali sviluppi che tale incresciosa vicenda avrà in futuro.

Cordialità

Cosenza, lì 29 aprile 2005
Franca Maria Leichiara
Resp. Bielorussia Ente Brutia