Adozioni in Bielorussia
 
HOME
CONTATTACI
CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE
LINK
 
 
 
 
 



LEGGI BIELORUSSE



LEGGI ITALIANE




COMITATO
MINORI STRANIERI


 

 

Il testo della legge in lingua italiana dal sito dell'Ambasciata Bielorussa in Italia

Il testo della legge in lingua originale

TESTO DELLA NUOVA LEGGE BIELORUSSA SULLE ADOZIONI INTERNAZIONALI

 

 

Approvato
Regolamento del Consiglio dei Ministri
Della Repubblica di Belarus
N. 122 del 31/01/2007


REGOLAMENTO
Sulla procedura dell’adozione internazionale
e della tutela e curatela internazionale
CAPITOLO 1
NORME GENERALI


1 Il presente regolamento è stato preparato in base al codice sul matrimonio e sulla famiglia
della Repubblica di Belarus, in base alla legge della Repubblica di Belarus del 19/11/1993 “sui
diritti del bambino” (approvata dal Soviet Supremo della Repubblica di Belarus, 1993 n. 33 art.
430; registro nazionale degli atti dei diritti della Repubblica di Belarus, 2000 n. 103, 2/215)
tenendo conto dei principi e norme del diritto internazionale indirizzato (orientato) sulla tutela dei
diritti e interessi legali dei bambini e stabilisce la seguente procedura:
dell’adozione internazionale (in seguito adozione internazionale) e della tutela
internazionale dei bambini sul territorio della Repubblica di Belarus.
Di riconoscere valida nella Repubblica di Belarus l’adozione internazionale o la tutela
e curatela internazionale nei confronti dei bambini cittadini della Repubblica di Belarus
residenti fuori della Repubblica di Belarus.
Di effettuare la vigilanza sulle condizioni di vita e di educazione dei bambini nei confronti
dei quali è stata stabilita l’adozione internazionale o la tutela e curatela internazionale.
2 L’Adozione internazionale si stabilisce:
nei confronti dei bambini-cittadini della Repubblica di Belarus permanentemente residenti
sul territorio di uno stato straniero da parte dei cittadini della Repubblica di Belarus, da parte dei
cittadini stranieri oppure da persone senza cittadinanza;
nei confronti dei bambini cittadini stranieri oppure senza cittadinanza e residenti sul
territorio della Repubblica di Belarus da parte dei cittadini della Repubblica di Belarus , cittadini
stranieri oppure persone senza cittadinanza.
Le persone indicate nella prima parte del presente paragrafo presentanti l’istanza
all’adozione internazionale per raggiungere il fine del presente regolamento vengono nominati
candidati all’adozione.
3 La tutela internazionale si stabilisce:
nei confronti dei minori-cittadini della Repubblica di Belarus permanentemente residenti sul
territorio di uno stato straniero da parte dei cittadini della repubblica di Belarus, da parte dei
cittadini stranieri oppure da persone senza cittadinanza;
nei confronti dei minori cittadini stranieri oppure senza cittadinanza e residenti sul territorio
della Repubblica di Belarus da parte dei cittadini della Repubblica di Belarus , cittadini stranieri
oppure da persone senza cittadinanza.
Le persone indicate nella prima parte del presente paragrafo presentanti l’istanza alla tutela e
curatela internazionale per raggiungere il fine del presente regolamento vengono nominati
candidati alla tutela o curatela.
4 Non si permette la comunicazione da parte degli Istituti per i bambini, da parte delle
Istituzioni specializzate statali per i minori che necessitano del sostegno sociale e della
riabilitazione, da parte delle Istituzioni statali che garantiscono l’istruzione tecnico professionale,
superiore e la laurea; da parte dei genitori-educatori delle Case dei bambini di tipo familiare, dei
villaggi per i bambini, dei tutori, dei genitori adottivi che educano i bambini orfani ed i bambini
rimasti senza tutela dei genitori dell’informazione sui bambini nei confronti dei quali può essere
stabilita l’adozione internazionale o la tutela o curatela alle singole persone oppure persone
giuridiche tranne gli organi di tutela e curatela ed il Centro Adozioni Nazionale Del Ministero
dell’Istruzione della Repubblica di Belarus (in seguito CAN).
La conoscenza con i bambini al fine di stabilire l’adozione internazionale o la tutela e
curatela internazionale da parte dei candidati all’adozione, alla tutela e curatela altresì da parte
dei rappresentanti degli Enti che si occupano delle adozioni dei bambini autorizzati dallo stato
straniero (in seguito Enti autorizzati) si effettua soltanto con l’autorizzazione scritta dell’organo
di tutela e curatela sul luogo di residenza dei bambini orfani e dei bambini rimasti senza tutela dei
genitori oppure del CAN.
5 Le domande sulle adozioni internazionali vengono esaminate nei confronti dei candidati
all’adozione residenti sul territorio soltanto degli stati stranieri, con i quali gli organi competenti
statali hanno concordato la procedura delle adozioni internazionali in base al Regolamento
sull’ordine della concordanza della procedura dell’adozione internazionale e della cooperazione
con le organizzazioni competenti degli stati stranieri nell’ambito della procedura, approvato dal
regolamento del Consiglio dei Ministri della Repubblica di Belarus N. 1173 del 21 settembre
2004 (registro nazionale degli atti giuridici della Repubblica di Belarus, 2004 N. 154, 5/14880 (in
seguito Regolamento sull’ordine della concordanza della procedura dell’adozione
internazionale).
Salvo casi dell’adozione internazionale da parte dei parenti oppure del patrigno (matrigna),
residenti sul territorio di uno stato straniero.
6. La tutela e curatela internazionale viene stabilita soltanto nel caso che ci siano gli accordi
internazionali tra la Repubblica di Belarus e gli stati stranieri, che prevedono tale tutela o
curatela.
7 L’adozione internazionale dei fratelli da parte delle persone diverse, di regola, non si
permette salvo casi quando tale adozione corrisponde agli interessi dei minori.
La separazione dei fratelli nel caso di adozione internazionale è possibile soltanto quando i
candidati all’adozione non insistano sulla segretezza di adozione e si impegnino a non impedire
la comunicazione tra di loro.
Nel caso di separazione di fratelli il Tribunale impegna l’adottante di comunicare al bambino
l’esistenza dei fratelli e il luogo della loro residenza.
8 L’adozione internazionale sul territorio della Repubblica di Belarus viene effettuata dai
Tribunali regionale del luogo di residenza del bambino adottando e nella città di Minsk- dal
tribunale della città di Minsk.
9 L’informazione sull’adozione internazionale e sulla tutela e curatela internazionale viene
data entro 5 giorni dall’organo di tutela e curatela del luogo di residenza del bambino all’organo
che gli paga la pensione.

CAPITOLO 2
LA PROCEDURA DELL’ADOZIONE INTERNAZIONALE DEI BAMBINI –CITTADINI
DELLA REPUBBLICA DI BELARUS OPPURE DEI CITTADINI STRANIERI OPPURE
SENZA CITTADINANZA, PERMANENTEMENTE RESIDENTI SUL TERRITORIO DELLA
REPUBBLICA DI BELARUS DA PARTE DEI CANDIDATI ALL’ADOZIONE
PERMANENTEMENTE RESIDENTI SUL TERRITORIO DI UNO STATO STRANIERO.


10 L’adozione internazionale del bambino da parte dei cittadini della Repubblica di Belarus,
permanentemente residenti sul territorio di uno stato straniero, da parte dei cittadini stranieri oppure
da parte di persone senza cittadinanza si permette soltanto nei confronti di un bambino, inserito
nell’elenco dei bambini, nei confronti dei quali è possibile l’adozione internazionale, salvo casi
dell’adozione internazionale da parte dei parenti oppure da parte del patrigno (matrigna).
Nell’elenco dei bambini, nei confronti dei quali è possibile stabilire l’adozione
internazionale, viene inserita l’informazione sui bambini orfani e sui bambini rimasti senza tutela
dei genitori, non sistemati presso le famiglie dei cittadini bielorussi, registrati da non meno di un
anno nella banca dati dell’adozione dei bambini orfani ed dei bambini rimasti senza tutela dei
genitori (in seguito - la banca dati repubblicana) nei casi quando al momento della preparazione
dell’elenco:
mancano i candidati all’adozione – cittadini della Repubblica di Belarus, permanentemente
residenti sul territorio della Repubblica di Belarus oppure i parenti dei bambini
indipendentemente dalla cittadinanza e dal luogo di residenza di questi parenti intenzionati di
adottare il bambino;
dopo aver ottenuto i consensi scritti all’ adozione internazionale da parte di:
tutore del bambino;
Dipartimento ( Direzione) dell’Istruzione del Comitato esecutivo della Provincia o della città,
Direzione dell’Istruzione del Comitato esecutivo della Regione; nella città di Minsk del Comitato
dell’Istruzione del Comitato esecutivo della città di Minsk.
11 Con la proposta sull’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini nei confronti dei quali
è possibile l’eventuale adozione possono essere:
il tutore del bambino con il consenso del Dipartimento dell’Istruzione della Provincia o della città e
della Direzione dell’Istruzione del Comitato esecutivo della Regione, del Comitato dell’Istruzione
del Comitato esecutivo della città di Minsk.
Dipartimento dell’Istruzione provinciale con il consenso del tutore e della direzione dell’Istruzione
del Comitato esecutivo della Regione. Nella città di Minsk - del Comitato dell’Istruzione del
Comitato esecutivo della città di Minsk.
12 L’elenco dei bambini, nei confronti dei quali è possibile stabilire adozione internazionale,
altresì tutte le modifiche e aggiunte vengono approvati dal Ministro dell’Istruzione della Repubblica
di Belarus (in seguito- il Ministro dell’Istruzione).
13 I candidati all’adozione che desiderano adottare il bambino con cui si sono conosciuti
durante il risanamento, attraverso gli Enti autorizzati, presentano la domanda scritta
sull’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini, nei confronti dei quali è possibile stabilire l’
adozione internazionale all’organo di tutela e curatela del luogo di residenza del bambino.
14 Gli organi di tutela e curatela del luogo di residenza del bambino entro un mese dal
momento dell’arrivo della domanda scritta , indicata nel p. 13 del presente Regolamento esaminano
la possibilità dell’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini nei confronti dei quali è
possibile stabilirel’adozione internazionale, concordano con il tutore del bambino e con la
Direzione dell’istruzione delComitato esecutivo della Regione; nella città di Minsk - del Comitato
dell’Istruzione del Comitato esecutivo della città di Minsk e rilasciano la decisione definitiva e
presentano la domanda scritta sull’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini nei confronti
dei quali è possibile l’adozione internazionale oppure sulla rinuncia al CAN.
La domanda sull’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini nei confronti dei quali è
possibile stabilirel’adozione internazionale include le seguenti informazioni:
- sull’esistenza dei fratelli, il loro luogo di residenza e l’esistenza dei contatti costanti tra di
loro altresì la loro opinione sull’eventuale adozione internazionale;
- -sul mantenimento dei contatti con parenti e sulla loro intenzione di accogliere questo
bambino presso la loro famiglia, sulla loro opinione dell’eventuale adozione internazionale;
- sui provvedimenti riguardanti la sistemazione del bambino presso le famiglie dei parenti
oppure delle altre persone – cittadini della Repubblica di Belarus, - permanentemente
residenti sul territorio della Repubblica di Belarus indicando i loro cognomi, nomi,
patronimici e luoghi di residenza;
sull’assenza dei candidati all’adozione - cittadini della Repubblica di Belarus,
permanentemente residenti sul territorio della Repubblica di Belarus oppure sull’assenza dei
parenti dei bambini indipendentemente dalla cittadinanza e dei luoghi di residenza di questi
parenti intenzionati di adottare il bambino di cui si tratta;
sulle condizioni di salute, di sviluppo psico-fisico del bambino;
sulle relazioni instaurate tra i candidati all’adozione ed il bambino altresì sull’atteggiamento
del bambino nei confronti dell’eventuale adozione da parte dei i candidati all’adozione.
15 Il CAN entro 15 giorni prepara e presenta per l’esame del Ministro dell’Istruzione la
conclusione motivata sull’eventuale inserimento del bambino nell’elenco dei bambini nei
confronti dei quali è possibile l’adozione internazionale.
16 La decisione del Ministro dell’Istruzione sull’inserimento del bambino nell’elenco dei
bambini nei confronti dei quali è possibile l’adozione internazionale e sulla possibile accettazione
della documentazione per adozione internazionale di questo bambino entro tre giorni viene
inviato dal CAN ai candidati all’adozione attraverso l’Ente autorizzato.
Nel caso della decisione positiva del Ministro dell’Istruzione il CAN informa la
Rappresentanza diplomatica oppure il Consolato della Repubblica di Belarus (in seguitoistituzione
estero della Repubblica di Belarus) sulla possibilità dell’accettazione della
documentazione per adozione internazionale del bambino, inserito nell’elenco dei bambini nei
confronti dei quali è possibile l’adozione internazionale.
17 Per esaminare la domanda di adozione internazionale i candidati all’adozione devono
preparare i seguenti documenti:
- l’istanza all’adozione secondo la forma approvata dal Ministero dell’Istruzione nella quale
vengono indicati: sesso, età ed altre caratteristiche del bambino. Nell’istanza i candidati
all’adozione comunicano il cognome, il nome, il patronimico, la data di nascita, l’indirizzo della
residenza permanente, il numero del telefono, del fax, l’indirizzo della posta elettronica (se
esiste). Nell’istanza i candidati all’adozione si impegnano di creare le condizioni necessarie per
l’educazione e lo sviluppo del bambino; entro un mese dal momento dell’arrivo del bambino
adottato nel paese di residenza permanente registrarlo nel registro consolare dell’Istituzione
estera della Repubblica di Belarus; di non impedire le visite presso le famiglie dei rappresentanti
dell’Istituzione estera della Repubblica di Belarus due volte all’anno fino al compimento della
maggiore età del bambino. Nel caso di adozione internazionale da parte dei coniugi viene
presentata l’istanza comune, nel caso di adozione internazionale da parte di un coniuge viene
allegato il consenso del secondo coniuge secondo la forma approvata il Ministero dell’Istruzione.
Nel caso in cui i candidati all’adozione hanno presentato l’istanza all’adozione internazionale di
un bambino concreto devono presentare la domanda secondo la forma approvata dal Ministero
dell’Istruzione dove in aggiunta bisogna indicare il cognome, il nome, il patronimico, la data di
nascita, il luogo di residenza di questo bambino e le circostanze che motivano la richiesta dei
candidati all’adozione sull’ adozione internazionale di questo bambino;
- la copia del passaporto oppure qualsiasi altro documento che identifichi la persona;
- la copia del certificato di matrimonio oppure qualsiasi altro documento che lo sostituisce nel
caso di adozione internazionale da parte di una coppia;
- l’anamnesi medica sulle condizioni di salute dei candidati all’adozione rilasciato dall’istituzione
di sanità sul luogo di residenza secondo la forma approvata dal Ministero della Sanità della
Repubblica di Belarus (in seguito Ministero della Sanità);
- Certificato dal posto di lavoro dei candidati all’adozione sulla professione svolgente e sullo
stipendio oppure qualsiasi altro documento sui redditi dell’anno precedente l’ adozione
internazionale; la copia del documento che conferma il diritto dell’uso dell’alloggio abitativo
oppure il diritto di proprietà dell’alloggio abitativo da parte dei candidati all’adozione;
- l’autorizzazione scritta dell’organo competente dello stato di residenza dei candidati
all’adozione all’ingresso e alla residenza permanente dell’adottando;
- l’autorizzazione scritta dell’organo competente dello stato sul territorio del quale
permanentemente risiedono i candidati all’adozione internazionale;
- l’autorizzazione scritta dell’organo competente dello stato del quale è cittadino il bambino e se
è necessario in base alla legislazione dello stato straniero il consenso del bambino all’adozione
internazionale – nel caso di adozione internazionale del bambino cittadino straniero residente sul
territorio della Repubblica di Belarus;
- documento conclusivo degli organi competenti dello stato di residenza dei candidati
all’adozione sulla disponibilità sociale e psicologica dei candidati all’adozione al fine di svolgere
i compiti sull’educazione dei bambini, sull’esistenza delle condizioni abitative necessarie e sulla
possibilità dei candidati all’adozione di educare in modo adeguato e mantenere l’ adottando;
- documento degli organi competenti dello stato di residenza dei candidati all’adozione
sull’assenza di condanne penali e di carichi pendenti;
- documento degli organi competenti dello stato di residenza dei candidati all’adozione con
l’informazione che i candidati non sono mai stati privati della patria potestà oppure limitati nei
diritti paterni nei confronti dei figli; che non sono stati mai riconosciuti come persone incapaci di
agire oppure con capacità di agire limitate; che non sono mai stati privati del diritto di tutela o
curatela del bambino minorenne a causa di adempimento non adeguato dei propri impegni;
che non sono mai stati privato del diritto di adozione per colpa degli adottanti;
che i figli dei candidati all’adozione non sono mai stati sotto la tutela statale;
- documento garanzia dell’organo competente dello stato di residenza dei candidati all’adozione
sulla presentazione dell’informazione al CAN sulle condizioni di vita ed educazione dell’adottando
una volta all’anno per cinque anni dopo aver ottenuto l’adozione internazionale (tranne i casi di
adozione da parte del patrigno (matrigna).
I documenti indicati nella prima parte di questo paragrafo devono essere autenticati debitamente
dalle organizzazioni rilascianti oppure autenticati dal notaio e legalizzati dovutamente oppure in un
altro modo se questo fosse previsto dagli accordi internazionali della Repubblica di Belarus e
tradotti in lingua russa (bielorussa).
La traduzione di questi documenti può essere autenticata nel paese di residenza dei candidati
all’adozione nell’Istituzione estera della Repubblica di Belarus oppure dal notaio della Repubblica
di Belarus.
Le firme dei candidati all’adozione devono essere autenticate dal notaio, la firma dell’ adottando dal
notaio oppure dall’Istituzione estera della Repubblica di Belarus oppure dal funzionario del
Dipartimento di tutela e curatela.
I documenti indicati nei paragrafi 2 e 5 della prima parte sono validi per un anno dalla data di
rilascio.
18 I documenti indicati nel punto 17 del presente Regolamento vengono consegnati
all’Istituzione estera della Repubblica di Belarus nel seguente ordine:
da parte dei candidati all’adozione attraverso l’Ente autorizzato sul territorio del Paese di loro
residenza.
19 Nel caso di mancanza dell’Istituzione estera della Repubblica di Belarus in uno stato
straniero i documenti indicati nel punto 17 del presente Regolamento vengono presentati attraverso
l’Istituzione estera della Repubblica di Belarus nel Paese vicino.
20 L’Istituzione estera della Repubblica di Belarus accetta la documentazione dei candidati
all’adozione nello Stato di loro residenza nel caso:
dopo aver ricevuto l’informazione dal CAN sull’inserimento del bambino nell’elenco dei bambini
nei confronti dei quali è possibile stabilire l’adozione internazionale;
21 L’Istituzione estera della Repubblica di Belarus nello Stato di residenza dei candidati
all’adozione conferma la correttezza della documentazione prodotta e della legalizzazione dei
documenti consegnati che vengono inviati con la posta diplomatica al CAN attraverso il Ministero
degli Esteri della Repubblica di Belarus .
22 Il CAN controlla e analizza i documenti arrivati ed effettua il lavoro di selezione del
bambino per l’adozione internazionale dal numero dei bambini inseriti nell’elenco dei bambini, nei
confronti dei quali è possibile effettuare l’adozione internazionale oppure sull’adozione del
bambino concreto inserito nell’elenco dei bambini, nei confronti dei quali è possibile effettuare
l’adozione internazionale se questo bambino è indicato nella domanda dei candidati all’adozione.
23 Se i documenti dei candidati all’adozione sono fatti in maniera sbagliata oppure non
corrispondono all’elenco dei documenti stabilito nel p. 17 del presente Regolamento oppure sono
scaduti il CAN informa i candidati all’adozione e richiede i documenti mancanti.
24 Il CAN entro 14 giorni invia al Dipartimento dell’Istruzione del luogo di residenza del
bambino l’informazione sui candidati all’adozione ai quali viene proposto il bambino in adozione
internazionale inserito nell’elenco dei bambini nei confronti dei quali è possibile stabilire l’adozione
internazionale e richiede i documenti necessarie per la preparazione dell’adozione internazionale.
25 Il Dipartimento dell’Istruzione del luogo di residenza del bambino entro un mese presenta al
CAN:
- conclusione sull’assenza dei candidati all’adozione – cittadini della Repubblica di Belarus,
permanentemente residenti sul territorio della Repubblica di Belarus oppure dei parenti
indipendentemente dalla cittadinanza e dal luogo di residenza di questi parenti intenzionati ad
adottare questo bambino e sull’opportunità di dare questo bambino all’adozione internazionale
secondo la forma approvata dal Ministero dell’Istruzione e nel caso dell’adozione internazionale da
parte dei parenti – conclusione sull’opportunità dell’adozione internazionale secondo la forma
approvata dal Ministero dell’Istruzione;
- copia del certificato di nascita del bambino;
- copia dei documenti che attestino l’inesistenza dei genitori (copia del certificato di morte o la
sentenza del Tribunale sulla privazione dei diritti dei genitori, sul riconoscimento dei genitori (un
genitore) come persone incapaci, irreperibili, l’atto del dipartimento degli affari interni sulla
scoperta dell’abbandono del bambino secondo la forma aprovata dal Ministero degli affari Interni
della Repubblica di Belarus, l’atto del Dipartimento della Sanità e del Dipartimento degli affari
interni sull’abbandono del bambino in ospedale secondo la forma approvata dal Ministero della
Sanità e dal Ministero degli affari Interni; documento che conferma l’informazione scritta dalle
parole di un altro genitore; la copia del documento del consenso all’adozione del minore in caso
della rinuncia dei genitori (un genitore) secondo la forma approvata dal Ministero dell’ Istruzione.
- il consenso scritto del dirigente dell’internato sotto la tutela del quale si trova il bambino secondo
la forma approvata dal Ministero dell’ Istruzione in concordanza con il Ministero della Sanità e con
il Ministero del Lavoro e Protezione Sociale della Repubblica di Belarus oppure il consenso scritto
del tutore, del genitore adottivo, del genitore-educatore all’adozione secondo la forma approvata
dal Ministero dell’ Istruzione nel caso dell’adozione internazionale del bambino da parte dei parenti
o del patrigno (matrigna);
- il consenso scritto del bambino all’adozione internazionale se ha compiuto 10 anni, autenticato
secondo l’ordine stabilito;
- l’anamnesi medica sullo stato di salute, sullo sviluppo psico-fisico dell’adottando rilasciato
dall’organizzazione statale della Sanità in base alla Legislazione della Repubblica di Belarus
secondo la forma approvata dal Ministero della Sanità;
- la copia del pignoramento dei beni appartenenti al bambino con l’indicazione del luogo dove si
trovano e i provvedimenti sulla conservazione;
- le copie della decisione del Comitato esecutivo sul luogo dove si trovano sul passaggio dei beni al
bambino, nel caso della loro esistenza e degli altri documenti che confermano il diritto di proprietà
del bambino sui beni;
- l’informazione sull’esistenza dei fratelli dell’adottando e la loro residenza al momento dell’esame
della domanda all’adozione internazionale;
- l’informazione sulla personalità del bambino, sulla sua origine, sui contatti con i parenti,
sull’ambiente sociale, sulla storia della famiglia, sui bisogni particolari del bambino, sui
provvedimenti presi, sulla sistemazione del bambino presso una famiglia, sulla mancanza dei
cittadini bielorussi che richiedono l’accoglimento di questo bambino presso la loro famiglia
secondo la forma approvata dal Ministero dell’Istruzione;
- le domande scritte da parte dei parenti del bambino che mantengono i rapporti con lui e sulla loro
inesistenza dell’intenzione di accogliere questo bambino presso la loro famiglia;
- le dichiarazioni scritte da parte dei fratelli che hanno compiuto 10 anni sulla possibilità di stabilire
l’adozione internazionale da parte dei candidati all’adozione;
- le copie dei documenti del dipartimento dell’Istruzione orientati alla conoscenza con il bambino
al fine della sua sistemazione presso una famiglia di cittadini bielorussi residenti sul territorio della
Repubblica di Belarus (salvo casi dell’adozione internazionale da parte di parenti oppure patrigno,
matrigna del bambino).
- I documenti indicati nella prima parte di questo paragrafo (le copie dei documenti) devono essere
dovutamente autenticate dalle organizzazioni rilascianti oppure autenticate dal notaio o dal
funzionario dell’organo di tutela o curatela. La firma dell’adottando e le firme sulle dichiarazioni da
parte dei parenti, dei fratelli, devono essere autenticate dal notaio o dal funzionario dell’organo di
tutela o curatela.
26 I documenti indicati nel paragrafo 17 del presente regolamento non possono essere accettati
all’esame e possono essere restituiti ai candidati all’adozione nei seguenti casi: quando i documenti
sono arrivati al CAN in disaccordo con l’ordine stabilito nei paragrafi 18-20 del presente
regolamento; quando i documenti sono arrivati al CAN da un paese straniero con il quale la
procedura dell’Adozione internazionale non è concordata oppure sospesa da uno degli Stati ( in
base al regolamento sulla procedura dell’Adozione internazionale);
-quando i documenti presentati certificano che i candidati all’adozione sono persone che
secondo l’articolo 125 del codice sul matrimonio e sulla famiglia della Repubblica di
Belarus non possono essere adottanti;
quando i candidati all’adozione hanno rinunciato alla candidatura del bambino proposto dal
CAN;
-quando i candidati all’adozione si sono rivolti al CAN con la domanda o con la richiesta
sulla restituzione dei documenti .
- I documenti soggetti a restituzione secondo la prima parte del presente paragrafo entro 5
giorni vengono inviati dal CAN al Ministero degli Affari interni per poterli restituire ai
candidati all’adozione (Ente autorizzato) attraverso l’Istituzione estera della Repubblica di
Belarus.
27 Nel caso se dovessero apparire le circostanze che impediscano all’adozione
internazionale (la morte del bambino, la perdita dello stato di adottabilità stabilita dalla
Legge della Repubblica di Belarus e ritorno del bambino presso i genitori; la rinuncia del
bambino all’adozione internazionale e altro) il Dipartimento dell’Istruzione entro un mese
informa il CAN sul fatto e il CAN restituisce i documenti indicati nel paragrafo 17 del
presente Regolamento in ordine stabilito dalla seconda parte del paragrafo 26 del presente
Regolamento.
28 Il CAN controlla i documenti presentati dal Dipartimento dell’Istruzione del luogo di
residenza secondo il paragrafo 25 del presente Regolamento e nel caso se i candidati
all’adozione avessero fatto la domanda all’adozione internazionale del bambino concreto
entro 10 giorni prepara la lettera conclusiva sulla inesistenza dei candidati all’adozionecittadini
della Repubblica di Belarus, permanentemente residenti sul territorio della
Repubblica di Belarus oppure i parenti dei bambini indipendentemente dalla cittadinanza e
dalla loro residenza intenzionati ad adottare questo bambino (nel caso di adozione dei
bambini orfani e dei bambini, rimasti senza tutela dei genitori)o la lettera conclusiva
sull’opportunità dell’adozione internazionale (nel caso di adozione da parte dei parenti o da
patrigno (matrigna) e riceve l’autorizzazione scritta da parte del Ministro dell’Istruzione al
proseguimento dell’adozione internazionale.
29 Nel caso se al CAN sono arrivati i documenti da parte dei candidati all’adozione che
chiedono di proporre loro un bambino per adozione internazionale il CAN invia la proposta
di un bambino concreto inserito già nell’elenco dei bambini nei confronti dei quali è
possibile stabilire adozione internazionale e le copie dei documenti indicati nella prima
parte del paragrafo 25 del presente Regolamento attraverso l’Ente autorizzato che ha
presentato i documenti dei candidati all’adozione al fine di prendere una decisione
sull’adozione internazionale entro un mese.
30 I candidati all’adozione oppure i rappresentanti dell’Ente autorizzato hanno il diritto
di conoscere personalmente il bambino con l’autorizzazione rilasciata dal CAN. Sulla
conoscenza con il bambino il CAN anticipatamente invia l’informazione scritta al’ Organo
di tutela e curatela del luogo di residenza del bambino.
31 Sulla decisione presa da parte dei candidati all’adozione l’Ente autorizzato entro un
mese informa per scritto il CAN.
32 Nel caso della decisione positiva sull’adozione internazionale del bambino proposto i
candidati all’adozione entro un mese inviano al CAN la domanda indirizzata al Tribunale
regionale del luogo di residenza del bambino; nella città di Minsk- al Tribunale della città di
Minsk sull’adozione internazionale di questo bambino fatta tenendo conto di come richiesto
nel paragrafo 17 del presente Regolamento. Oltre questo nella domanda vengono indicati: il
cognome, il nome, il patronimico che vengono attribuiti al bambino dopo l’adozione altresì
il cambiamento della data e del luogo di nascita nei limiti previsti dalla Legge della
Repubblica di Belarus.
33 Dopo aver ricevuto la domanda da parte dei candidati all’adozione e dopo aver
ricevuto l’autorizzazione scritta da parte dell’Organo competente dello Stato in cui risiedono
i coniugi all’adozione internazionale del bambino proposto altresì in base ai documenti
indicati nei pp. 17 e 25 del presente Regolamento, il CAN entro 10 giorni prepara la
conclusione, indicata nel p. 28 del presente Regolamento e riceve l’autorizzazione scritta da
parte del Ministro dell’Istruzione a questa adozione internazionale.
34 Nel caso che il Ministro autorizzasse l’adozione il CAN entro il 5 giorni informa il
rappresentante dell’Ente autorizzato che ha presentato i documenti dei candidati all’adozione
oppure direttamente loro sul pagamento della tassa statale per l’esame della domanda al
Tribunale e rilascio della quietanza.
Entro tre giorni dal rilascio della quietanza del pagamento il CAN invia i documenti al
Tribunale regionale; nella città di Minsk – al Tribunale della città di Minsk.
In base all’ordinanza del Tribunale il Dipartimento dell’Itruzione del luogo di residenza del
minore richiede all’internato del bambino, all’istituto di Sanità, alla famiglia presso quale si
trova il bambino i documenti in originale secondo l’elenco stabilito dall’art. 393 p.3 del
Codice processuale civile della Repubblica di Belarus che devono essere presentati entro 3
giorni dall’arrivo della richiesta del Dipartimento dell’Istruzione e in base ai quali viene
preparata la conclusione sulla fondatezza e corrispondenza agli interessi del bambino
indicando il fatto della comunicazione personale dei candidati all’adozione con l’adottando
secondo la forma approvata dal Ministero dell’Istruzione.
35 I candidati all’adozione si impegnano personalmente:
- prima dell’udienza visitare il Dipartimento dell’Istruzione del luogo di residenza del
bambino per un colloquio con il rappresentante dell’Organo di tutela e curatela e per la
conoscenza e il dialogo con bambino in presenza del rappresentante dell’Organo di tutela e
curatela;
- conoscere e instaurare il contatto con il bambino proposto all’adozione internazionale;
- partecipare all’udienza;
- ricevere la decisione sull’adozione internazionale;
- portare via il bambino dall’istituto dopo aver ricevuto la decisione del Tribunale
sull’adozione internazionale.
36 L’adozione internazionale del bambino stabilita dalla Sentenza del Tribunale è
soggetta alla registrazione obbligatoria nell’ufficio anagrafe. In base all’iscrizione dell’atto
sull’adozione internazionale vengono riportate le modifiche necessarie nell’atto di nascita
del bambino e agli adottanti rilasciano il certificato di adozione altresì il nuovo certificato di
nascita dell’adottando.
37 L’espletamento delle formalità di partenza oltre i confini della Repubblica di Belarus
si effettua in ordine stabilito dalla Legge con rilascio obbligatorio del passaporto del
cittadino della Repubblica di Belarus se il bambino adottato è un cittadino bielorusso.
38 I certificati di adozione, di nascita del bambino adottato si legalizzano al Ministero
degli Esteri.


CAPITOLO 7
L’ORDINE DELLA VIGILANZA SULLE CONDIZIONI DI VITA E
SULL’EDUCAZIONE DEI BAMBINI CITTADINI DELLA REPUBBLICA DI BELARUS
NEI CONFRONTI DEI QUALI SONO STABILITI L’ADOZIONE INTERNAZIONALE E
LA TUTELA INTERNAZIONALE.

76 La vigilanza sulle condizioni di vita e sull’educazione del bambino residente sul
territorio di uno stato straniero nei confronti del quale è stabilita l’adozione internazione o la
tutela e curatela internazionale si effettua in base alla Legge della Repubblica di Belarus,
dello Stato in cui vive il bambino e agli accordi internazionali con la Repubblica di Belarus.
77 La vigilanza sulle condizioni di vita e sull’educazione del bambino residente sul
territorio della Repubblica di Belarus nei confronti del quale è stabilita l’adozione
internazione o la tutela e curatela internazionale da parte dei cittadini stranieri oppure dalle
persone senza cittadinanza permanentemente residenti sul territorio della Repubblica di
Belarus si effettua in ordine stabilito dal Consiglio dei Ministri della Repubblica di Belarus
per i cittadini della Repubblica di Belarus.
78 Al fine della vigilanza sulle condizioni di vita e sull’educazione del bambino
residente sul territorio di uno stato straniero nei confronti del quale è stabilita l’adozione
internazione o la tutela e curatela internazionale il CAN entro due settimane dal giorno che
la Sentenza del Tribunale sull’adozione internazionale entrasse in vigore oppure la decisione
del Dipartimento dell’istruzione del Comitato esecutivo provinciale o della città sulla tutela
internazionale invia informazione sull’adozione o sulla tutela stabiliti al Ministero degli
Esteri per poterla trasmettere all’Istituzione estera della Repubblica di Belarus del Paese di
residenza permanente degli adottanti e dei tutori.
79 I bambini, nei confronti dei quali è stabilita l’adozione internazione o la tutela e
curatela internazionale vengono registrati nel Registro Consolare dell’Istituzione estera in
base alla Legge della Repubblica di Belarus. L’istituzione estera due volte all’anno informa
il CAN sui bambini- cittadini della Repubblica di Belarus registrati nel Registro consolare e
tolti dal Registro.
80 L’Istituzione estera della Repubblica di Belarus raccoglie i dati sui bambini –
cittadini bielorussi nei confronti dei quali è stabilita l’adozione internazionale, residenti fuori
della Repubblica di Belarus, studiano le loro condizioni e ogni semestre informa su questo il
Ministero dell’Istruzione.
81 Il CAN effettua il controllo sulla presentazione dell’informazione sulle condizioni di
vita e sull’educazione dei bambini residenti sul territorio di uno stato straniero i cittadini del
quale sono o sul territorio nel quale permanentemente risiedono gli adottanti e i tutori:
- nei confronti dei bambini adottati – per cinque anni dal momento dell’adozione
pronunciata;
- nei confronti dei bambini presi in tutela – fino al compimento della maggiore età.
82 Le copie delle relazioni sulle condizioni di vita e sull’educazione del bambino nei
confronti del quale è stabilita l’adozione internazione o la tutela e curatela internazionale il
CAN entro due settimane invia all’Organo di tutela e curatela sotto tutela di quale si trovava
il bambino prima dell’adozione o tutela internazionali.
83 La questione della cittadinanza dei bambini adottati all’estero si regola sulla Legge
della Repubblica di Belarus del 1 agosto del 2000 “Sulla cittadinanza della Repubblica di
Belarus” (Il Registro nazionale degli atti dei diritti della Repubblica di Belarus, 2002, N.
88,2/885).
84 Nel caso dell’ inadempimento dei diritti e degli interessi del bambino stabiliti dalla
Legge della Repubblica di Belarus e dallo Stato straniero in cui risiede il
bambino,l’adozione e la tutela sono soggetti alla revoca nell’ordine stabilito dalla Legge
della Repubblica di Belarus e dalla Legge dello Stato straniero. La questione sulla
sistemazione della vita di questo bambino viene decisa da parte degli Organi competenti di
entrambi gli Stati.